Coppa America, spunta la possibilità di due barche per Oracle ed è subito polemica

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

coppa-americaSi tratta di un copione che si ripete da lunghissimo tempo. Chi vince la Coppa America, l’edizione successiva cerca di trarre il massimo vantaggio derivante dal suo ruolo di defender of record per evitare di perdere la “brocca” più importante del mondo. Lo sa il defender, lo sanno i challenger.

QUELLO CHE SI SA (POCO)
Non farà eccezione la 35ma America’s Cup, almeno a giudicare dalle premesse: del famoso “protocollo”, che sarebbe dovuto uscire a marzo, ancora non si sa nulla. Periodo, location (San Francisco? Hawaii? San Diego? Miami?), format: buio. L’unica certezza è rappresentata dal fatto che le barche utilizzate saranno dei nuovi AC62 dotati di foils, con 8 membri di equipaggio. Le ali saranno one-design, ma non realizzate da un unico cantiere.

DUE BARCHE PER ORACLE? E’ POLEMICA
Sulla base di un’intervista rilasciata a Sail World da Iain Murray, general manager di Team Australia (il sindacato scelto dagli americani come Challenger of Record, e quindi “controllore” nella fase di stesura del protocollo per difendere gli interessi degli sfidanti), è emersa la possibilità da parte di Team Oracle di poter contare su due imbarcazioni, contro l’una dei challenger. E questo, alzi la mano chi è contrario, è un grosso vantaggio, giustificato (debolmente) dal fatto che “non prenderà parte alle Challenger Selection Series” (o meglio, potrà prendere parte solo ai Round Robin, e da lì iniziare la costruzione della seconda barca). E c’è già chi accusa Team Australia di non difendere gli interessi degli sfidanti ma di limitarsi ad essere il “delfino” di Oracle, pronto a ratificare le sue condizioni.

I “SURROGATE YACHTS” E LE SERIES
Niente AC72 come barche “prova”
. I test preparatori in vista degli AC62 saranno fatti sui nuovi catamarani dotati di foil SL33 e GC32. Rimarranno le AC45 World Series (ma senza trasformare gli AC45 in foiling cat) e avranno un’importanza maggiore rispetto all’edizione precedente: l’ultima “voce” parlava della possibilità che i quattro migliori sfidanti delle Series del 2015 e 2016 si qualifichino per la Louis Vuitton Cup, dove verrà poi decretato il Challenger di Oracle. In questo modo, i quattro team selezionati avranno circa un anno per costruire il loro 62 piedi per la Coppa.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su