Evoluzione multiscafi: facciamo il punto in tre mosse

Vue-aerienne-du-port-de-La-Grande-MotteNegli ultimi mesi abbiamo analizzato le diverse tendenze che stanno trasformando il modo di concepire le barche a vela, dalla scelta tanto dibattuta a proposito della timoneria a barra o a ruota all’evoluzione dell’easy sailing. Non abbiamo però studiato come sta cambiando il mondo dei multiscafi, che invece riserva diverse sorprese.

L’occasione giusta per farlo è ora che siamo appena tornati da La Grande Motte, dove si è svolto il “Salone de Multicoque”. Un’edizione che, se da un lato ha visto un numero minore di modelli rispetto al passato, ha potuto contare in banchina su diverse prime europee e mondiali. Tra queste abbiamo scelto tre modelli che, ognuno nel proprio segmento, rappresentano altrettante strade intraprese dai progettisti.

INTERNO ED ESTERNO, PARI SONO: IL LAGOON 560 S2nav-L560-salon-cucina-H-0004

La posizione della cucina del Lagoon 560 S2 evidenzia il rapporto tra quadrato e pozzetto.

Prima di tutto si conferma la ricerca, da parte dei progettisti e degli studi di architettura, dell’annullamento delle differenze tra interno (quadrato) ed esterno (pozzetto). Ne è un perfetto esempio la versione S2 del Lagoon 560 (disponibile con quattro o cinque cabine), dove interno ed esterno formano un “corpo unico”, grazie alla presenza di un imponente hard top che ripara completamente il pozzetto e accoglie al contempo la timoneria. Una scelta concettuale che il cantiere francese ha intrapreso con decisione già da un paio di stagioni; non è un caso infatti che poco a poco stia modificano il layout di tutti i suoi modelli

L’ARMATORIALE… A CENTRO BARCA: IL PRIVILEGE SERIE 5
p-515--sailing06_0450Particolare il disegno interno del Serie 5 di Privilège Marine, dove l’armatore ha a disposizione una vera e propria suite posizionata centralmente, mentre gli scafi ospitano una zona “armadi”, il bagno e l’area ufficio. Una soluzione molto ben concepita, perché non va ad appesantire il disegno del catamarano, che anzi in navigazione risulta equilibrato.

Il particolare disegno dell'armatoriale del Provilège Serie 5, con il letto a centro barca.
Il particolare disegno dell’armatoriale del Provilège Serie 5, con il letto a centro barca.

PER CORRERE IN COMODITA’: ALIBI 54
Alibi 54Si chiama invece Alibi 54
(al suo esordio europeo) il catamarano simbolo dei modelli abitabili e sportivi. Un po’ l’equivalente di quei monoscafi da crociera veloce oceanica come il Pogo, tanto per fare un paragone con la produzione dei monoscafi. Tra le “chicche” di questo modello, la presenza a poppa di un serbatoio dell’acqua che funge da ballast, pronto ad essere riempito se le condizioni di navigazione lo richiedono. Certo, per ottenere determinate prestazioni si è dovuto rinunciare a un po’ di abitabilità nella zona giorno (evidente nel pozzetto e in quadrato), mantenuta invece nella zona notte.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su