Massimo D’Alema in regata sul Neo 400: questa volta non è uno scherzo!

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

d'alema-pasquavela
Questa volta non è un pesce d’aprile: Massimo D’Alema si è fatto davvero vedere sui campi di regata, a bordo con il patron di Banks Sails Paolo Semeraro del prototipo Neo 400 (che avete avuto modo di vedere al TAG Heuer VELAFestival) in occasione dell’edizione numero 27 di Pasquavela, l’evento organizzato dallo Yacht Club Santo Stefano.

VI RICORDATE CHE POLVERONE?
Vi ricordate lo scorso primo aprile, quando annunciammo che avrebbe partecipato alla Roma per Uno, tra i solitari e Il Fatto Quotidiano riprese il nostro articolo, suscitando l’ira del web? Chissà se a Porto Santo Stefano qualcuno avrà ricordato l’episodio all’ex presidente del Consiglio. Ad ogni modo, D’Alema si è dovuto accontentare di un settimo posto…

LE CLASSIFICHE DI PASQUAVELA
Alla manifestazione si sono presentati 54 equipaggi tra imbarcazioni d’altura delle classi IRC, ORCi e monotipi J24. Dopo quattro giorni di regata e un totale di sei prove, il GS 43 Vanitè di Mario Aquila (con Roberto Ferrarese alla tattica) ha vinto in IRC1, seguito dal Canard 41 Aurora della coppia Bruno/Bonomo e dal First 40 Lancillotto (Andrea Fornaro alla tattica)

In IRC2, vittoria per l’X442 Muzyka 2 di Simone Tauti (al timone Filippo Calandriello): alle sue spalle l’X 37 Vai Mò di Fabrizio Pianelli e il GS 40 Vag 2 di Alessandro Canova. Vulcano, First 36.7 di Paolo Alberto Liuzzi ha trionfato nella IRC3, davanti al Comet 36 ID&A ei Augusto Massaccesi e all’Asso 99 Asso di Bastoni di Giovanni de Cesaris.

Nella classe ORCi la vittoria è andata, anche quest’anno, all’M37 Low Noise di Giuseppe Giuffrè con Lorenzo Bodini alla tattica, seguito dal nuovissimo Mylius 15E25 Ars Una di Carlo Biscarini e Vittorio Rocchi e da Pierservice Luduan, il Grand Soleil 46 di Enrico de Crescenzo, al terzo posto. Nei J24 le prime due barche hanno concluso a pari punti, ma in virtù dei milgiori parzlali ha vinto La Superba di Ignazio Bonanno, che firma la sua terza vittoria consecutiva di Pasquavela, seguito da due equipaggi russi, quelli di Europa2 al secondo posto e di J Jone al terzo posto.

SCOPRI TUTTE LE NOVITA’ IN TEMPO REALE SUL SITO VELAFESTIVAL.COMlogo


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

6 commenti su “Massimo D’Alema in regata sul Neo 400: questa volta non è uno scherzo!”

  1. Che D’Alema scateni ogni giorno le ire de il “Fatto Quotidiano” e del suo condirettore Travaglio, non è una novità. Il problema, come capita fra Grillo e Berlusconi è insolubile. Grillo senza Berlusconi è un uomo finito e il “Fatto” senza D’Alema è un giornale, sembra, altrettanto finito. Che lo sia Travaglio non sembra, ma è certo…

    1. Ma quale comunismo, questi si sono serviti degli ideali politici per far carriera (oltre che distruggere l’Italia) (sia a destra che a sinistra contano solo i denari)

  2. D’Alema, essendo persona intelligente, riesce sempre a trovare una collocazione dignitosa, nonostante i rottamatori di turno!!! Anche Berlinguer andava a barca a vela, probabilmente i comunisti amano veleggiare e tutto ciò nobilita questo sport.

  3. Thank you so much for providing individuals with remarkably superb possiblity to read in detail from this web site. It’s usually very pleasant and also full of amusement for me personally and my office friends to visit your blog the equivalent of three times in one week to study the newest guides you will have. Of course, we’re actually amazed with the staggering tactics served by you. Certain 3 points in this post are in fact the most efficient we have all had.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su