developed and seo specialist Franco Danese

Fipofix, la microbarca di lava fa il record

Alex Thomson vara il suo “nuovo” Hugo Boss, è l’ex Virbac Paprec 3
16 aprile 2014
L’Italia latita? Alla nautica ci pensa San Marino
16 aprile 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

sedlacek-fipofixUno dei record più bizzarri lo ha realizzato un giovane austriaco, Harald Sedlacek, che ha attraversato da solo l’Atlantico dalle coste spagnole a Palm Beach in Florida con una barca di soli 4,90 metri, costruita con fibre di lava.

La barca si chiama Fipofix, nome dello sponsor che ha sviluppato la strana tecnologia con cui è costruita la “barchetta” dotata di supertecnologie: derive laterali mobili, deriva centrale basculante, serbatoi di zavorra a prua e a poppa, due pale del timone. Lo spazio utile a bordo sottocoperta è di soli 1,5 metri quadri. Per percorrere 5100 miglia Harald ci ha messo 87 giorni. Alla fine è rimasto pure a corto di cibo.  Facendo un rapido calcolo, ha viaggiato a 2,44 nodi di media, un’inezia rispetto alle velocità a cui ci hanno abituato i bolidi oceanici, ma questa è un sfida vinta dal punto di vista tecnologico e umano: Harald è il figlio del più “blasonato” Norbert (sotto vi raccontiamo chi é), che a novembre aveva tentato la traversata ma aveva dovuto riparare a Gijon a causa di problemi tecnici. Harald ha raccolto il testimone di Norbert e ha portato a termine l’impresa.

open16-fipofix_en-newLA BARCA
L’Open 16 Fipofix è stato progettato ispirandosi all’Open 60, di cui è – con i suoi 4,9 mt di lunghezza per 2,3 di larghezza e appena 1,5 metri quadri coperti – la versione in miniatura. La poca distanza tra lo specchio di poppa e la linea di galleggiamento di appena 12 cm ha reso la traversata “piena di schizzi”. Dall’impresa è emerso il buon potenziale della barca ed una notevole rigidità torsionale dovuta alla fibra vulcanica ASA.TEC. “La barca mostra i suoi punti di forza soprattutto alle andature portanti. Basta una raffica o un’onda e parte in planata”, ha affermato con entusiasmo Sedlacek. Lo scafo è stato interamente realizzato in Fipofix, un materiale composito di fibre ASA.TEC ottenuto mediante il cosiddetto processo sandwich su un nucleo di balsa. Le caratteristiche delle fibre di roccia vulcanica – sono molto stabili chimicamente (sia in ambiente acido, sia alcalino), resistenti ai raggi UV, e alle variazioni di temperatura oltre che 100% riciclabili – le rendono ideali per l’impiego nel settore nautico.

CHI E’ NORBERT SEDLACEK
Norbert Sedlacek, padre di Harald, 51 anni, viennese, con un passato di conducente di tram, scopre la vela nel 1994, quando ha 32 anni. Da allora ha fatto il giro del mondo, circumnavigato l’Antartico, completato la Transat 2004 in decima posizione e la Vendée Globe 2008 in undicesima. Ha avuto l’idea di quest’ultima impresa nel giorno del suo 50esima compleanno. Sedlacek è attivamente coinvolto nella progettazione delle barche su cui naviga ed è responsabile dell’invenzione del processo di fissaggio del Fipofix.

SCOPRI TUTTE LE NOVITA’ IN TEMPO REALE SUL SITO VELAFESTIVAL.COMlogo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi