Giriamo a voi la domanda: potrebbe avere senso questo strano timone a due pale?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

good-science-2
Scovato da un lettore di Sailing Anarchy questo incredibile timone a due pale!!! “Potrebbe avere senso” titola il sito statunitense di appassionati di vela. Mah, di certo fa impressione vedere quelle due pale sbilenche montate su di un solo asse. Che ne dicono gli esperti di fluidodinamica?

SCOPRI TUTTE LE NOVITA’ IN TEMPO REALE SUL SITO VELAFESTIVAL.COMlogo

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Giriamo a voi la domanda: potrebbe avere senso questo strano timone a due pale?”

  1. Giuseppe Notarnicola

    …semplice…. è la soluzione ottimale quando si naviga sbandati e non si ha il doppio timone…. Immaginateli con la barca sbandata, e in caso di navigazione dritta non cambia nulla….

  2. una barca ben bilanciata di pesi propri e carichi velici non necessita di azioni sul timone, in tal caso questa soluzione presenta il grosso svantaggio di avere sempre (anche a barca sbandata) troppe superfici bagnate e quindi maggiori attriti. Ricordo che in caso di due pale del timone a barca sbandata, una finisce praticamente fuori mentre l’altra agisce perfettamente, e in questo caso questo non accade. Qui migliora solo il risultato di azioni leggere sulla barra rispetto agli effetti sulla barca. Insomma esperimento inutile.

  3. Più che la pala, bisognerebbe tenere perpendicolare alla superficie dell’ acqua l’ asse di rotazione della pala stessa, come del resto si fa col doppio timone. Oltre al problema dell’ aumento della superficie bagnata, con questa soluzione si ha un aumento delle componenti verticali, inutili per l’ imbardata e che contribuiscono alla resistenza all’ avanzamento! A questo punto, se non si può inclinare l’ asse di rotazione, l’ unico modo per aumentare la componente orizzontale della pala è aumentare la superficie!
    In ogni caso idea originale!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO Un rientro in porto da leoni

Un ingresso in porto da veri eroi per i due velisti a bordo di questo catamarano: hanno saputo aspettare il momento giusto per “surfare” grazie alle altissime onde che frangono in prossimità della costa inglese del Merseyside, a Southport. GUARDA

Nove mete dove navigare almeno una volta nella vita

Stanchi delle solite zone di navigazione? Volete provare qualcosa di diverso? Ci sono luoghi che, per gli appassionati di vela, hanno qualcosa di magico. Alcuni sanno di avventura estrema, come la Penisola Antartica, altri si rifanno alla grande tradizione Made

Registrati



Accedi