Coppa Carlo Negri, meglio essere fortunati che bravi

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Regate PirelliLa Coppa Carlo Negri, arrivata alla sua 45esima edizione si scopre orfana dello storico sponsor Pirelli ma ancora capace di attirare interesse anche internazionale, in particolare russo e danese (Vertical Smile). Il punto di forza è sempre la splendida location del golfo di Portofino, detto anche Golfo dei Nesci, perché di vento ce né sempre pochino.

Quest’anno è andata anche meno peggio di altri, anche se per vincere è servita più la fortuna che la sapienza tattica, il vento saltava in maniera beffarda e a lungo ricorderemo le “bolle” davanti agli arrivi con il Beppe Croce e Jack la Bolina a pochi metri ma lontanissimi.

Nota di colore, la consueta vettura in palio, (quest’anno una Alfa Mito)  è andata a Jerry Ford (foto piccola), su Bottadritta. La sento un po’ mia devo dire, infatti ogni volta che lo incontro, Jerry ricorda come mio nonno gli salvò la vita, quando una volta caduto in acqua da un gozzo non riusciva più a risalite e fu ripescato casualmente dal mio avo.photo

Jerry, francamente, se non fosse per uno della mia famiglia, tu la macchina mica potevi vincerla, almeno un giro me lo fai fare?

Tommaso Oriani

RISULTATI:

Gruppo IRC 0:
Vertical Smile di Peter Lebrandt
Maya di Lucio Crispo
Itacentodue di Adriano Calvini

Gruppo IRC A:
Amber Miles di Vadim Yakimenko
Artful di Konstantin Pistov
Che Stress 3 di Giancarlo Ghislanzoni

Gruppo IRC B:
Stupeficium di Maria De Leo
Giochelotta di Francesco Conte
X Blue One di Michele Rayneri

Gruppo ORC A:
Obsession di Mario Rossello
Valkiria di Vincenzo De Falco
Jonathan Livingston di Giorgio Diana

Gruppo ORC B:
Mariel di Federico Massari
X Wave di Marco Roccatagliata
Manida di Alberto Patrone

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Coppa Carlo Negri, meglio essere fortunati che bravi”

  1. Certo facciamo un giro Tommaso, e dopo beviamo in ricordo di un gran uomo tua nonno MARIO ………..un MITO vero!

    una nota: non ho caduto da un gozzo, mah dal X-51, Johnathan Livingston,, girando la boa di poppa, lo spi e gonfiata e buttata me in mare…….ero stordito e in difficolta,, tanto difficolta,,e Mario e venuto al soccorso……….e vero tutto,,,, mi ha salvata la vita. Caro Mario, grazie ancora una volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

INEOS Britannia, a fuoco la barca di Sir Ben Ainslie

INEOS Britannia, a fuoco la barca di Sir Ben Ainslie

Il team di America’s Cup INEOS Britannia sta attraversando un periodo burrascoso, e non solo sul mare. Dopo un po’ di delusione nelle regate preliminari di America’s Cup, con un ultimo e penultimo posto alle tappe di Vilanova e Jeddah,

Torna su

Registrati



Accedi