Tre spinnaker is megl’ che one…ma che “mazzo” in strambata!

tre-spinnaker
Probabilmente la velocità alle andature portanti non soddisfaceva l’equipaggio di questa imbarcazione americana. E da buoni yankee, per ovviare al problema hanno ragionato in grande, issando ben tre spinnaker: oltre a quello normale munito di tangone, ne hanno fissato un’altro a mo’ di gennaker e uno in testa del secondo albero. Sicuramente il passo sarà stato buono, ma le strambate? Per fortuna che a bordo erano un bel po’!

SCOPRI TUTTE LE NOVITA’ IN TEMPO REALE SUL SITO VELAFESTIVAL.COM
Immagine 3


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Tre spinnaker is megl’ che one…ma che “mazzo” in strambata!”

  1. Quello che dite “issato a mo’ di gennaker” è il big boy, una vela secondaria per l’andatura in poppa piena che si usava in quegli anni (tempi dello ior) accoppiata allo spi, anche per stabilizzare la barca (quelle linee di carena rollavano particolarmente).

  2. Beh, quello a sinistra dello spinnaker della maestra si chiamava”blooper ” no big boy comunque simile, ed effettivamente serviva per stabilizzare in poppa piena , ma credo ovviamente dava anche potenza in più .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su