Scoprite al VELAFestival come funziona la pinna alare Phinna di INOXSAIL

PhinnaTra i tanti eventi a cui potrete prender parte durante il TAG Heuer VELAFestival, dal 10 al 13 aprile nel Marina della Fiera di Genova, c’è la presentazione live dedicata a INOXSAIL. Azienda che, fondata nel 2011 dall’architetto Roberto Bosi, ha per mission la diffusione della cultura velica attraverso l’innovazione tecnologica immediatamente utilizzabile. Ecco perché, proprio il primo giorno del TAG Heuer VELAFestival, giovedi 10 aprile, a partire dalle ore 15 nell’Area Grandi Eventi, lo stesso Bosi racconterà in una conferenza interattiva – che mixerà immagini, parole e video – tutto sul prodotto di punta INOXSAIL, PHINNA.

SCOPRENDO PHINNA
Di che cosa si tratta? PHINNA è appunto una pinna di deriva a sezione alare variabile che consente, grazie al suo futuribile e tecnologico progetto, di superare il limite intrinseco della simmetria dei profili alari delle attuali derive. In altre parole PHINNA è una vera e propria “ala” immersa sotto lo scafo che “nuota” nel flusso sviluppando la migliore portanza, in ogni condizione atmosferica, e quindi migliorando la prestazione dell’imbarcazione che la monta in termini di velocità e di angolo al vento. Realizzata in acciaio AISI 316, polimeri rinforzati, PTFE auto-lubrificante e alluminio, PHINNA è progettata per sostenere gli sforzi indotti dalle pesanti zavorre in piombo.

INNOVAZIONE TECNOLOGICA
Per i visitatori del TAG Heuer VELAFestival ci sarà insomma un’opportunità unica d’incontrare l’intero equipaggio INOXSAIL, compresi i progettisti, e di avere informazioni dettagliate sulla PHINNA e le sue possibili applicazioni e sulla tecnologia innovativa della compagnia. INOXSAIL infatti ha iniziato l’attività all’interno di PoliHub, l’incubatore d’impresa del Politecnico di Milano, che fa da primo testimone all’innovazione e alla capacità di anticipare tendenze nel campo nautico e nel business della nuova imprenditoria. INOXSAIL ha perciò impostato sin dall’inizio i suoi tratti distintivi come azienda in grado di coniugare innovazione e tradizione portando valore aggiunto ai principi che hanno consacrato la vela durante i secoli.

IL FUTURO DELLA NAUTICA
Oltre a PHINNA, la tecnologia costruttiva INOXSAIL consente di progettare imbarcazioni in metallo (acciaio, titanio o alluminio) ed, usando il sandwich di lamiere sottili accoppiate ad un core strutturale lavorato a controllo numerico, di risolvere il problema del maggior peso di questo tipo di scafi, da sempre apprezzati per la loro robustezza e sicurezza. È una tecnologia innovativa che elimina le principali cause dei collassi strutturali e consente di realizzare barche strutturalmente sicure, omogenee ed isotrope, inaffondabili, durature e veloci.

SCOPRI TUTTE LE NOVITA’ IN TEMPO REALE SUL SITO VELAFESTIVAL.COMlogo

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su