VIDEO Cinquanta nodi, due uomini, un 10 metri. Voi lo fareste?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

generali-tempestaCi sono velisti che hanno una marcia in più. E una vena di follia. Immaginatevi la scena: la tempesta Andrea il 28 febbraio scorso si abbatte sulla Bretagna, il vento soffia oltre 50 nodi al largo delle isole Glénans. Non basta tutto questo a fermare Nicolas Lunven e Eric Péron, che a bordo del loro Beneteau Figaro “Generali” approfittano di queste condizioni estreme per allenarsi alla navigazione con maltempo in vista della Transat AG2R. Ne è nato un video emozionante. Godetevi lo spettacolo e domandatevi: voi sfideresti mai 50 nodi come questi due “pazzi”?

GUARDATE IL VIDEO AL CARDIOPALMA

SCOPRI TUTTE LE NOVITA’ IN TEMPO REALE SUL SITO VELAFESTIVAL.COM
Logo_VelaFestival

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

8 commenti su “VIDEO Cinquanta nodi, due uomini, un 10 metri. Voi lo fareste?”

  1. Gian Luigi Granato

    Con il Mousse che avevo fino a 10 anni fa (9.10) e mio padre mi e’ capitato di navigare diverse volte in adriatico e ionio con oltre 50-60 nodi e, ci hanno riferito da terra, qualche volta pure di piu’. Senza un elicottero che mi controlla da sopra ci penserei un attimo ad andare “per allenarmi”, ma se capita con una barca affidabile si puo’ fare, ci mancherebbe, e ci si puo’ pure divertire. Con la barca che ho ora (non faccio nomi), pur piu’ grande di 2 metri, avrei qualche dubbio in piu’…. beh, non solo la barca, anche io sono un pelo “meno affidabile”, per eta’.

  2. Già fatto e più di una volta. Con qualche differenza: i metri erano 7 (Cocaletta); non ci sono filmati perché non solo perché non ci si vedeva nulla tanta era l’acqua portata dal vento (per lo meno ad altezza uomo), ma anche perché in quelle occasioni non c’era nessuno che potesse filmare (ero da solo); ma soprattutto non me l’ero andata a cercare, mi ci sono ritrovato mio malgrado. Ed ho navigato i “miei sessanta nodi” anche grazie a quella fantastica piccola grande barca.

  3. con uno sponsor e con un elicottero che ti fa da angelo custode …
    perchè no, è giusto allenarsi e cercare il proprio limite!
    Senza uno sponsor e rischiando una brutta avventura solo per il piacere di una sfida …
    perchè sì, è più saggio rimanere in porto!

    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO Un rientro in porto da leoni

Un ingresso in porto da veri eroi per i due velisti a bordo di questo catamarano: hanno saputo aspettare il momento giusto per “surfare” grazie alle altissime onde che frangono in prossimità della costa inglese del Merseyside, a Southport. GUARDA

velisti-salvati

VIDEO Tre velisti salvati nella tempesta appena prima del naufragio

Per fortuna che c’è la RNLI, dicono gli inglesi e gli irlandesi. Acronimo di Royal National Lifeboat Institution, è un ente fatto da volontari con un unico scopo. Salvare vite in mare. I suoi volontari forniscono un servizio di ricerca e

uomo a mare

VIDEO Uomo a mare recuperato in 28 secondi netti. Applausi!

Questo video, apparso sulla pagina Facebook di Drone Project, mostra una manovra di recupero dell’uomo a mare eseguita alla perfezione. Fidatevi, non era facile. Considerando anche la flotta di barche in velocità e a distanza ravvicinata. Siamo alla prima tappa

Registrati



Accedi