Renzi e Cottarelli all’attacco. In nome della spending review finisce il caos dei controlli a mare?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

guardia-costieraNella settantina di slide che il commissario alla spending review ha presentato al comitato dei ministri preposti al taglio della spesa pubblica, c’è finalmente spazio per la razionalizzazione anche dei corpi di stato che presidiano i mari italiani. Forse è la volta buona. Matteo Renzi e il suo staff, a caccia delle coperture economiche per sostenere gli annunci del taglio del cuneo fiscale per dipendenti e imprese, dovranno mettere mano al caos e agli sprechi che denunciamo da anni.

PAROLA CHIAVE: RAZIONALIZZAZIONE
La proposta è semplice, banale e necessaria: razionalizzare gli interventi e le competenze dei corpi dello stato. Due dovrebbero essere, come accade nelle altre nazioni evolute, i corpi che effettuano i controlli, il presidio, l’accertamento dei reati. Innanzitutto la Guardia Costiera, che ha il compito del presidio delle coste e acque territoriali italiane con compiti diretti o di coordinamento di tutte le attività, escluso quelle di controllo fiscale. Stiamo parlando quindi di soccorso: nel caso, potrà chiedere l’ausilio di polizia e/o carabinieri. Per quanto riguarda i controlli fiscali, il compito dovrebbe restare appannaggio della Guardia di Finanza. Questo è quello che va fatto per recuperare denaro e dare serenità e certezze a chi naviga.

LA FINE DEL CAOS?
Sarà l’inizio della fine del caos nei nostri mari, in nome della spending review? Che bello quando l’anarchica brigata d’incompetenti carabinieri, poliziotti, guardie forestali la smetteranno di fermare le nostre barche tranquillamente ormeggiate o naviganti, a caccia di chissà quale reato, con i loro costosissimi mezzi obsoleti e puzzolenti.

SCOPRI TUTTE LE NOVITA’ IN TEMPO REALE SUL SITO VELAFESTIVAL.COM
Logo_VelaFestival

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Middle Sea Race Review: Russian connection (ENG)

Valletta, 28 October 2017. An old adage in yacht racing dictates that to win a race, you first need to finish. A strenuous 38th edition of Rolex Middle Sea Race, held from 21-28 October, proved an emphatic case study. Of the

Registrati



Accedi