developed and seo specialist Franco Danese

Come proteggo la mia barca dai fulmini?

Lady Cup, le donne si fanno la festa regatando alla Spezia
7 marzo 2014
Quanto guadagnano i velisti di Coppa America? Scopritelo con noi: e indovinate chi sono quelli meno pagati…
7 marzo 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

fulmine-barcaDurante i temporali in navigazione, alla fonda o in banchina, il fulmine, come dimostra la foto a lato, è sempre in agguato. Non sono infrequenti casi di incendi di barche ormeggiate che, se di primo acchito possono risultare “misteriosi”, si scoprono poi essere causati da fulmini. Vista la frequenza e intensità dei fenomeni meteorologici, è bene spendere due parole sui sistemi di protezione dell’imbarcazione dai fulmini, i cui danni spesso non sono coperti dalle compagnie di assicurazioni. Non sono molti i cantieri produttori di barche da diporto che prendono in considerazione il problema (sulle navi, i sistemi di protezione sono obbligatori secondo specifiche normative, ma non sempre vengono realizzati in maniera corretta): starà a voi intervenire con una serie di piccoli accorgimenti per aumentare la sicurezza sia della barca che dell’equipaggio, oltre che degli impianti.

COME FARE?
Un bell’articolo in proposito è comparso su Liguria Nautica, che ha contattato l’esperto di elettronica di bordo Daniele Menegatti: “I fulmini – esordisce Menegatti scaricano a terra energie enormi; sono in grado di provocare sovratensioni per induzione nelle linee elettriche a decine di metri dal loro epicentro. Potete approntare un efficace sistema di messa a terra ponendo il captatore nel punto più alto dello yacht (possibilmente al centro per avere un cono di copertura adeguato), collegato ad una piastra in rame pieno (non poroso) esterna allo scafo sotto il galleggiamento, con un cavo conduttore da 30 mm di sezione cablato il più verticale possibile. È consigliabile collegare alla suddetta piastra anche i pulpiti.

CAPTATORI E DISGIUNTORI
Nelle barche a vela (con albero in alluminio) il captatore dovrà essere messo in testa d’albero con tanto di collegamento elettrico al bulbo. Se l’albero è in carbonio è necessario cablare un conduttore interno all’albero dal captatore al bulbo a causa della non omogenea conduttività del carbonio. Inoltre predisponete anche disgiuntori per sovratensione sulle linee elettriche (SPD) e fusibili di protezione sui banchi batterie. Anche in presenza di protezioni adeguate, se il fulmine colpisce direttamente l’imbarcazione è difficile salvare gli apparati elettronici; in questo caso potrete estendere l’applicazione di un disgiuntore per sovratensione (con scarico a terra) in prossimità della connessione elettrica di alimentazione degli strumenti da proteggere. Esistono prodotti specifici anche per i coassiali delle antenne”.

SCOPRI TUTTE LE NOVITA’ IN TEMPO REALE SUL SITO VELAFESTIVAL.COM
Logo_VelaFestival

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi