Velista dell’Anno TAG Heuer 2014, ora inizia la bagarre! Non hai ancora votato?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Immagine-8Mancano poco più di due settimane allo stop alle votazioni del Velista dell’Anno TAG Heuer 2014 e siete già stati in oltre 2.500 a esprimere la vostra preferenza: anche i commenti infuocati sul web dimostrano quanto premio sia ambito. Mai come in questa edizione è stato boom sui social, con i candidati che rilanciano la propria nomination alla ricerca frenetica di “elettori”.

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE
La strada è ancora molto lunga e le distanze si assottigliano. Rimane in testa la specialista dell’RS:X cagliaritana Marta Maggetti, ma il gap, che sembrava incolmabile nei primi giorni, si è ridotto mentre alle sue spalle infuria la bagarre con ben cinque candidati in una manciata di voti. La coppia formata dai progettisti di Team Oracle Mario Caponnetto e Michele Stroligo è in seconda posizione davanti al solitario Andrea Mura, seguito dal grinder di Oracle Gilberto Nobili, dalla campionessa del Nacra 17 Silvia Sicouri e dal minista Giancarlo Pedote. Un po’ attardati gli altri “nominati” (Francesco De Angelis, Alberto Bona, Vasco Vascotto, Vincenzo De Blasio, Flavio Favini, Gaetano Mura) ma non è ancora tempo di fare pronostici.

TUTTO PUO’ ANCORA CAMBIARE: VOTA QUI IL TUO VELISTA DELL’ANNO TAG HEUER 2014

IL REGOLAMENTO

Anche quest’anno sarete voi a decidere chi sarà il più grande velista italiano! Per votare basta connettersi al nostro sito e cliccare sul box dedicato al “Velista dell’Anno”. Qui troverete i profili dei dodici candidati e potrete votare il vostro preferito entro il 15 marzo. I vostri voti determineranno una vera e propria “Top 5”. Sarà tra questi cinque candidati che una giuria di qualità, composta dai migliori giornalisti e professionisti della vela, decreterà (tenendo in considerazione anche il numero di voti che avete espresso) il vincitore del Velista dell’Anno TAG Heuer 2014.

LA STORIA DEL VELISTA DELL’ANNO
È dal 1991 che Il Giornale della Vela organizza il più prestigioso riconoscimento che viene riservato a un velista italiano. Nel corso degli anni è stato vinto da atleti del calibro di Paul Cayard, Alessandra Sensini, Giovanni Soldini, Francesco De Angelis, Vasco Vascotto e Vincenzo Onorato. Tra i vincitori spiccano anche nomi importanti di navigatori oceanici come Matteo Miceli, Alessandro Di Benedetto e Marco Nannini. Nella scorsa edizione ad aggiudicarsi il Velista dell’Anno TAG Heuer è stato Max Sirena, lo skipper di Luna Rossa che ha battagliato nelle acque di San Francisco nell’ultima Coppa America. Sarete voi a decidere chi gli succederà quest’anno.

SCOPRI TUTTE LE NOVITA’ IN TEMPO REALE SUL SITO VELAFESTIVAL.COM
Logo_VelaFestival

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Le magnifiche sette tappe della VELA Cup 2024

Squadra che vince, non si cambia. E non cambia la VELA Cup, il circuito di regate/ festa organizzato dal GdV che ogni anno porta in acqua centinaia di barche di ogni età, dimensione e foggia. Un successo dovuto soprattutto a

Torna su

Registrati



Accedi