Dart80, megayacht a motore o barca a vela? Non importa, tanto lo scafo è lo stesso…

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

dart80Può una barca a vela diventare barca a motore, e viceversa? Secondo il cantiere Royal Huisman, si. Non stiamo parlando del “solito” motorsailer ma di un’imbarcazione che, condividendo la struttura e le linee dello scafo, può configurarsi sia come superbarca a vela che come megayacht. E’ questo l’avveniristico concetto che sta dietro al Dart80, il 262 piedi che lo storico cantiere fondato nel 1884 e basato in Olanda, specializzato nella realizzazione di barche “top”, ha ideato assieme allo studio di Andrew Winch. Un “mostro” (di eleganza) che promette di raggiungere velocità importanti (superiori ai 20 nodi, vedremo).

dart80-royal-huismanSCAFO E COPERTA
Lo scafo in alluminio (stesso materiale della sovrastruttura), ispirato al mondo marino (nello specifico ricorda vagamente le forme dei delfini), è caratterizzato dalla prua ad angolo inverso e da linee che sarebbe riduttivo definire “filanti”. Nella sua configurazione come superyacht a vela, è caratterizzato da due ponti che privilegiano la vivibilità. L’armo è a due alberi, arretrati verso poppa per aumentare la stabilità, ed è previsto un ampio genoa. Futuristiche finestrature laterali e nelle “tughe” (in questo caso le virgolette sono d’obbligo, viste le dimensioni da loft newyorkese!) garantiscono la luminosità interna. La barca è dotata di doppie pale del timone e chiglia sollevabile a baionetta. Stesso identico scafo nella configurazione a motore, cambia soltanto la sovrastruttura.

interni-dart80INTERNI
Il layout interno si articola su tre livelli. Nell’area sottostante all’albero prodiero si trova la suite armatoriale, contigua alla sala “VIP”. Più a prua invece ci sono due aree tecniche, una dedicata all’alloggio dei tender e una all’ormeggio. In corrispondenza del secondo albero si trova il salone principale. Scendendo al piano inferiore, da poppa verso prua, si trovano il beachclub, tre cabine doppie per gli ospiti e due per l’equipaggio. Infine, al livello più basso, si trovano aree di storaggio, vano motore e vano chiglia.

SCHEDA TECNICA
Lunghezza fuori tutto 80 m
Lunghezza al galleggiamento 77,65 m
Baglio max 12,02 m
Pescaggio 4,00/14,00 m
Altezza dell’albero sull’acqua 81,00 m
Dislocamento a mezzo carico 1360 t
Capacità carburante 160.000 l
Capacità acqua 50.000 l
Cantiere Royal Huisman
Progetto Andrew Winch Designs

SCOPRI TUTTE LE NOVITA’ IN TEMPO REALE SUL SITO VELAFESTIVAL.COM
Logo_VelaFestival


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Cape 31

Cape 31, il monotipo superveloce di Mills (9m) arriva in Italia

Sbarca in Italia un monotipo che all’estero, soprattutto in Inghilterra, sta riscuotendo un ottimo successo. Stiamo parlando del Cape 31 (9,55 x 3,05 m), disegnato da Mark Mills. Uno scafo veloce, divertente, marino, trasportabile via terra e di semplice gestione:

Torna su