Torna la Carthago Dilecta Est con tante novità

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

percorso-regataDopo lo stop del 2013, la Carthago Dilecta Est ritorna in grande spolvero con alcune importanti novità. La tradizionale regata di 300 miglia sulla rotta Fiumicino (Roma) -Hammamet (Tunisia) partirà il prossimo 2 agosto. A questa seguirà la Tunisie Sailing Week, previsto dal 7 all’11 agosto: l’evento è costituito da una serie di regate costiere che si svolgeranno nel Golfo di Hammamet e sulla rotta Hammamet – Monastir.

LA “SICILIA ROTTA 100°”
La prima novità è rappresentata dalla Sicilia Rotta 100°: così è stata battezzata la regata con partenza il 12 agosto da Monastir verso Lampedusa, organizzata in collaborazione dalla Lega Navale di Lampedusa e il Circolo Velico Ventotene. Particolare valore simbolico assume la rotta, percorsa da migliaia di persone piene di speranza che ora diventa evento sportivo e di amicizia fra le sponde del Mediterraneo.

matteo-miceli
Il navigatore Matteo Miceli

MICELI CI PROVA ENTRO MARZO
Un’altra novità per il 2014 è la sfida che hanno deciso di lanciare i navigatori Matteo Miceli e Valerio Brinati per battere il record Roma/Fiumicino – Hammamet dedicato a Giancarlo Bozzetto, il Sindaco di Fiumicino che per primo patrocinò la Regata fin dal 1999, anno della prima edizione. La partenza sarà indicata con 48 ore di anticipo dagli sfidanti appena si evidenzierà una finestra meteo favorevole entro il mese di marzo 2014.

SOLITARI E AVVENTUROSI, ISSATE LE VELE!
Per tutte le regate della Carthago Dilecta Est, della Tunisie Sailing Week e della Sicilia Rotta 100° sono previste per il 2014 anche classifiche per equipaggi in doppio e in singolo.

regata-feluche
La tradizionale regata delle feluche

PERCHE’ PARTECIPARE
La Carthago Dilecta Est non è una semplice regata, ma un vero e proprio tuffo nella cultura tunisina: oltre alle manifestazioni agonistiche (che in passato hanno premiato anche gli scafi meno corasioli), l’organizzazione della regata prevede un ricco carnet di eventi collaterali quali visite guidate in luoghi storici e musei, regate a bordo di feluche tradizionali tunisine, visite ai vinicoltori locali e incursioni nella gastronomia nordafricana e chi più ne ha più ne metta. Un modo divertente e tutto sommato alternativo di passare le vacanze estive!

info su www.carthagodilectaest.com

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su