Addio estintore: ora c’è l’inibitore che dura tantissimo, non sporca né scade!

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

mangiafuocoIl principale difetto degli estintori tradizionali? La breve durata del getto (che va dai 6 fino ai 30 secondi dei modelli a polvere più grandi) e i residui lasciati dopo l’uso. Ecco perché il piccolo inibitore di fiamma Mangiafuoco è una piccola rivoluzione nella sicurezza a bordo. Si tratta di un erogatore manuale di aerosol di potassio (omologato RINA) frutto della tecnologia per lo spegnimento di principio di incendio di ultima generazione, con una forte capacità estinguente, innocuo ed ecocompatibile, che non lascia residui.

GETTO “SENZA FINE”
Facile da usare, non richiede manutenzione, è privo di scadenza (altro importante vantaggio) ed è sempre pronto all’uso grazie. Ha le dimensioni di un cilindro di 3,5 cm di diametro, lungo 33 cm per un peso di soli 450 grammi, praticamente come un ombrello da viaggio. All’atto dell’erogazione produce un potente getto di aerosol di potassio della durata di ben 100 secondi (sic!).

Prezzo: 45,00 euro Iva inclusa
www.nauticplace.com

I VANTAGGI DELL’AEROSOL DI POLVERI DI POTASSIO  
Nel panorama degli agenti estinguenti di nuova generazione, l’aerosol di polveri di Potassio è un prodotto innovativo, disponibile per la realizzazione di sistemi antincendio efficaci, economici e soprattutto assolutamente ecologici. Per definizione, l’aerosol è un sistema di particelle solide o liquide sospese in un ambiente gassoso. L’aerosol di polveri di Potassio offre un metodo unico di estinzione degli incendi, attraverso una dispersione finissima in ambiente, generato da una vaporizzazione e da una successiva  condensazione della sostanza estinguente. L’azione estinguente dell’aerosol si esplica attraverso l’interruzione della catena di reazione di autocatalisi dell’incendio. Data la particolare composizione chimica dell’aerosol di polveri di potassio, esso è in grado di spegnere focolai d’incendio, anche se non irrorati direttamente, ovvero per saturazione d’ambiente. L’aerosol di polveri di potassio inoltre è caratterizzato da un lungo tempo di decadimento in ambiente (tende a stratificare), consentendo una sufficiente inertizzazione dello stesso, evitando così pericolose riaccensioni del focolaio d’incendio stesso. Offre inoltre notevoli vantaggi, eliminando le pesanti componenti idrauliche dei sistemi di spegnimento a gas ed offrendo una vasta flessibilità d’impiego riducendo drasticamente dimensioni, costi e pesi. L’aerosol di polveri di potassio infine è totalmente compatibile con l’ambiente non interferendo in alcun modo nei processi di distruzione dell’ozono.

L’estinguente ad Aerosol possiede ulteriori requisiti quali:
Non è tossico per la salute umana  
• Non ha effetto di accumulo organico
• Non da luogo a prodotti tossici di decomposizione
• E’ compatibile con l’ambiente
• E’ chimicamente stabile e non aggredisce i materiali
• Ha una granulometria specifica per applicazioni antincendio
• Ha un peso specifico sufficientemente alto adatto all’azione di inertizzazione

COME FUNZIONA 
L’azione di agente estinguente manifestata dai sali di potassio in formazione di aerosol è caratterizzata da una doppia componente: una fisica l’altra chimica. La componente fisica deriva dalla tendenza dei sali alcalini in forma di aerosol, di stratificare nell’ambiente, grazie al loro maggiore peso specifico apparente rispetto all’aria. Essendo i sali alcalini, sostanze inerti, intralciano efficacemente le interazioni classiche dell’incendio tra combustibile e comburente. La componente chimica invece, si manifesta attraverso la creazione di legami chimici notevolmente stabili, tra i radicali di potassio ed i radicali prodotti dalla combustione. Gli estinguenti ad aerosol per effetto dell’energia ceduta dall’attivatore, subiscono una rapida ossidazione che si manifesta con un passaggio di stato (da stato solido a stato gassoso) dando origine a radicali liberi, gli atomi di potassio. Questi atomi hanno la capacità di intercettare gli altri radicali liberi, prodotti dalla reazione a catena della combustione, e di interromperla. Va notato che a prescindere dalla porzione anionica (bicarbonato), il potassio mostra un potere d’inibizione della reazione a catena molto elevato, grazie al basso potenziale di ionizzazione che lo caratterizza.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su