Banque Populaire sbriciola il record nelle 24 ore in solitario: 677 miglia! VIDEO

Armel Le Cleac'h. Photo Sea Launay(BPCE
Armel Le Cleac’h. Photo Sea Launay(BPCE

Un record, e che record! Armel Le Cleac’h e il Maxi Trimarano Solo Banque Populaire hanno battuto il record di distanza percorsa in 24 ore in solitario, percorrendo ben 677 miglia (1253 chilometri!!!) alla spaventosa media di 28,20 nodi!

Maxi Solo Banque Populaire VII. Photo Y.Zedda/BPCE
Maxi Solo Banque Populaire VII.
Photo Y.Zedda/BPCE

Lo skipper francese, secondo all’ultimo Vendée Globe alle spalle del connazionale François Gabart, ha ottenuto questo risultato mentre sta tentando di battere il record sulla Rotta della Scoperta, tra Cadice (Spagna) e San Salvador (Bahamas). Un tentativo che, facendo tutti gli scongiuri del caso, ha ottime possibilità di riuscita, perché il maxi trimarano al punto nave delle ore 10 di domenica mattina aveva un vantaggio di 270 miglia su Francis Joyon, che nel febbraio dello scorso anno ha impiegato otto giorni, sedici ore, sette minuti e cinque secondi a percorrere le 3884 miglia del percorso.

“E’ perfetto! Geniale!”, ha dichiarato Armel Le Cleac’h. “Il record di distanza percorsa nelle 24 ore è battuto! Dalle Canarie, le condizioni sono propizie alla velocità anche se resto prudente. Il mare è buono e il mio trimarano va veloce quasi quanto il vento (30 nodi)”.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Banque Populaire sbriciola il record nelle 24 ore in solitario: 677 miglia! VIDEO”

  1. Pingback: VIDEOSTORY. Banque Populaire frantuma il record atlantico. E’ trionfo per Le Cleac’h | Giornale della Vela - notizie di vela - regate - crociera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su