Volvo Ocean Race 2014/15, il punto della situazione

volvo-ocean-raceL’edizione 2014/2015 della Volvo Ocean Race prenderà il via il prossimo 4 ottobre ad Alicante (Spagna), e si chiuderà con la in-port race di Goteborg dopo 10 tappe e 45.317 miglia di navigazione. È giunto il momento di fare il punto della situazione della Volvo che verrà e che il Ceo Knut Frostad ha deciso di rimodellare per aumentarne l’appeal.

volvo-percorsoPERCORSO E TAPPE
La Volvo Ocean Race partirà il 4 ottobre con la in-port race di Alicante per poi toccare nell’ordine Città del Capo (Sudafrica), Abi Dhabi (Emirati Arabi Uniti), Sanya (Cina), Auckland (Nuova Zelanda), Itajaì (Brasile), Newport (USA), Lisbona (Portogallo), Loriént (Francia) e Goteborg (Svezia, dove ha sede il main sponsor, Volvo), meta finale della regata. La tappa più lunga sarà quella da Auckland a Itajaì, di 6,776 miglia, mentre la più breve quella tra Lisbona e Loriént, di “sole” 647 miglia.

vor-65MONOTIPIA UNICA VIA
Al posto dei vecchi Volvo Open 70, che ogni equipaggio progettava e costruiva sulla base di una box rule, sono arrivati i monotipo Ocean 65. Vedremo quindi gli equipaggi regatare con barche perfettamente uguali, disegnate da Farr Yacht Design (considerato da Frostad lo studio di progettazione con maggiore esperienza nel campo dei monotipi) e realizzate da un pool di quattro cantieri: l’italiano Persico costruirà gli scafi, il francese Multiplast le coperte, lo svizzero Decision le strutture e l’inglese Green Marine a occuparsi dell’assemblaggio finale e della consegna.

Anche alberi e attrezzatura di coperta sono dello stesso fornitore. Un modo per premiare la “meritocrazia” e abbassare i costi (i budget per partecipare alla competizione variano dai 10 ai 14 milioni di euro, contro i 21-35 di quella precedente). Inoltre particolare peso è stato dato alla resistenza degli scafi, viste le numerose avarie dell’ultima edizione che a volte trasformavano la tappa in un lungo match-race con solo due barche a giocarsela. La monotipia permette di risparmiare anche altrove: ci sarà ad esempio uno shore team condiviso: un gruppo di tecnici a disposizione di tutti gli equipaggi per la risoluzione di problemi, con pezzi di ricambio e attrezzature pronte all’uso.

I TEAM PARTECIPANTI
In una recente intervista rilasciata a Fabio Pozzo de “La Stampa”, Frostad ha annunciato che saranno probabilmente sette o otto i team partecipanti. Per adesso, i “sicuri”, sono quattro: l’olandese Team Brunel, guidato dalla skipper Bouwe Bekking, il cinese Dongfeng Racing Team (con Bruno Dubois come direttore tecnico), Abu Dhabi Ocean Racing, per il quale è stato confermato Ian Walker come skipper, e Team SCA, con un equipaggio composto interamente da donne (le più famose sono la navigatrice Sam Davies e la svizzera Justin Mettraux, fresca di secondo posto assoluto alla Mini Transat tra i Serie). Difficile la possibilità di vedere in acqua un team italiano, anche se “mai dire mai” visto che la monotipia garantisce un minor tempo di preparazione…

 

(foto di copertina di Rick Tomlinson)


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su