Storie di Velisti – Michele Paoletti, un “Benjamin Button” verso Rio 2016

michele-paolettiA guardare la storia velica di Michele Paoletti, se si tralascia la vittoria del Campionato Italiano Optimist del 1986, sembra di assistere al film “Lo Strano Caso di Benjamin Button”, dove il protagonista ringiovanisce invece che invecchiare. Il 39enne finnista triestino ha infatti compiuto il percorso inverso rispetto agli altri atleti azzurri in odore di Rio 2016.

GIOVANISSIMO IN ALTURA
Inizia giovanissimo la sua carriera nell’altura: a 17 anni vince il Mondiale della VI classe IOR e il Giro d’Italia; bissa il titolo iridato l’anno successivo assieme a Vasco Vascotto, trionfando anche al Campionato Italiano IMS e alla Coppa d’Autunno. Nel ’94, ’95 e ’97 è nuovamente campione italiano IMS, nel ’99 ottiene l’oro nazionale tra gli Asso ’99.

LE OLIMPIADI E LA COPPA AMERICA
A Sydney 2000 è olimpico sui Soling con Nicola Celon, con cui vince l’Europeo Match-Race nel 2001. Nello stesso anno si aggiudica il titolo italiano Laser, risultato che ripete nel 2002. Tre anni dopo entra nella squadra di Mascalzone Latino prendendo parte all’America’s Cup di Valencia nel 2007. Continua a dedicarsi alle barche più grandi, partecipa ai più importanti circuiti di altura, poi si innamora del Melges 32 diventando presto uno dei migliori specialisti della classe: nel 2013 vince il circuito europeo delle Melges 32 Audi Sailing Series e chiude sulla piazza d’onore il Mondiale, su Fantastica dell’armatore Lanfranco Cirillo.

IL PIU’ FORTE FINNISTA ITALIANO
Ma Paoletti ama mettersi in discussione e decide di ritornare sulle classi olimpiche dopo più di dieci anni, per sentire il brivido dell’acqua e del sale sulla faccia. Nonostante debba dividersi tra il Finn e il Melges 32, il 2013 lo vede dominare quattro delle otto tappe della Coppa Italia di classe (alle altre quattro non ha partecipato): inoltre conquista il sesto posso assoluto al Mondiale Finn di Tallinn (Estonia) e trionfa al Campionato Russo, rivelandosi, a quasi 40 anni, il più forte finnista italiano. A differenza della maggior parte dei componenti della Nazionale, militanti nelle file delle Fiamme Gialle o dell’Aeronautica Militare Paoletti, in forza al Circolo Canottieri Aniene, gode del sostegno economico di Lanfranco Cirillo, che ha deciso di sponsorizzare la sua campagna olimpica con il Fantastica Sailing Team. Arriverà un po’ “attempato” in Brasile, ma la recente vittoria del Mondiale Laser da parte del 40enne Robert Scheidt ha dimostrato come il “fiuto” conti più del fisico. Michele, ti teniamo d’occhio!


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Marina Punta Gabbiani

Ecco dove tenere la tua barca per l’inverno in Alto Adriatico

Marina Punta Gabbiani – Un’oasi nell’Alto Adriatico All’interno della laguna di Marano, una bellissima oasi naturale quasi all’estremo est della Penisola, sorge il Marina Punta Gabbiani. Oltre trecento posti ormeggio in banchina e altri trecento posti nel dry marina, che

Torna su