developed and seo specialist Franco Danese

Messina, diportista “cacciato” dalle banchine: dopo la risposta del Marina arriva la replica del nostro lettore!

Cape2Rio, Soldini e Maserati in testa a 730 miglia dall’arrivo
13 gennaio 2014
E’ possibile che una barca si disintegri? Sì, purtroppo è accaduto.
13 gennaio 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Marina-del-nettunoUna segnalazione di un nostro lettore relativamente al cattivo trattamento ricevuto presso il Marina del Nettuno di Messina, che abbiamo deciso di pubblicare, ha scatenato una vera e propria pioggia di commenti sul web, con gli utenti che hanno discusso in modo animato e costruttivo adducendo esempi ed esperienze personali. Pochi giorni dopo la pubblicazione della testimonianza del signor Angelo Careccia (che si è visto “cacciare” dal marina dopo aver specificato di voler fermarsi solo poche ore) è arrivata puntuale in redazione la risposta del Marina del Nettuno nella persona del suo direttore Ivo Blandina, che esordiva specificando come la sosta temporanea nel Marina fosse stata gratuita. Continuava poi invitando Angelo a dare indicazioni precise su data e ora dell’ingresso al Marina e della comunicazione fatta alla Capitaneria di Porto e noi a controllare se dal ’98, anno in cui ill Marina siciliano divenne operativo, avessimo ricevuto delle segnalazioni negative in redazione (cosa che non ci risulta). Immediata la replica del sig. Careccia: il dibattito è lungi da spegnersi.

LA RISPOSTA DI CARECCIA AL MARINA
“Spett.le signor Ivo Blandina,
Le rispondo d’impulso per non perdere l’attimo: il giorno preciso è 16 Luglio 2013 alle ore 10,30/11.00 (risalendo con il mio commercialista alla data della fattura del pieno di gasolio, 283,21 euro, eseguito presso il distributore locato circa un miglio a dritta guardando il vostro Marina).

Erano circa le 11 di mattina e vi erano i vostri due collaboratori, mi scusi ma mi riesce difficile chiamarli marinai, ai quali ho rivolto la mia richiesta di appoggiarmi solo per una o al massimo 2 ore, il tempo di andare ad acquistare una “cassata” dalla pasticceria Traina (forse il nome non è esatto) e generi di prima necessità tipo acqua, birra e quanto potesse necessitare per uno spago al volo. In un primo momento vi era tutto il posto che volevo, ma quando ho detto che mi serviva solo per qualche ora, come d’incanto, il posto non era più disponibile. E non mi è stato possibile nemmeno appoggiarmi all’esterno del pontile senza nemmeno entrare nel Marina”.

PER IL 60 PIEDI IL POSTO C’È
Immediatamente dopo – prosegue Careccia – è arrivato un grosso catamarano inglese (se la memoria non mi inganna, chiederò all’equipaggio), un 60 piedi per il quale i suoi collaboratori con il gommoncino brigarono non poco per farlo ormeggiare (Careccia ha un Bavaria 42, ndr). Ma quello che mi fa più specie è il fatto che la Capitaneria mi abbia redarguito per essere entrato nel porto senza autorizzazione, e che se avessi avuto bisogno di ormeggiare la soluzione era solo una il vostro Marina”.

100 EURO PER UNA NOTTE IN BANCHINA
“Tornato, stavo quasi per cedere e chiedere ormeggio per la nottata e prima di cominciare le dovute manovre i suoi collaboratori mi hanno elegantemente avvertito che per la mia barca la tariffa era 100,00€ per 24h oltre a consumi di luce ed acqua. Giro il mondo con barche a nolo ed ora mi accingo a farlo con una di proprietà, ma questo inqualificabile comportamento non l’ho mai provato. Ora non voglio certo infierire ulteriormente ma spero che le benedizioni che mi saranno inoltrate possano servire ad avere un atteggiamento diverso verso chiunque vada per mare. A tale proposito vorrei raccontarle che invece, sempre nel mio giro, nel marina di Rodi Garganico, il marinaio Angelo, ci ha ospitato “gratis”per una notte e noi non sapevamo come ricambiare, abbiamo consumato al bar del marina, cambusa dal supermercato, benzina, ristorante, gadget, regali, ed alla fine pubblicità positiva di un marina bellissimo, nuovo e poco usato.
Per i troppo buoni, Buon Vento”.

SEGNALATECI I DISSERVIZI
Cosa pensate della vicenda? Inviateci le vostre testimonianze se siete stati “maltrattati” durante le vostre crociere, mandando una mail a speciali@panamaeditore.it oppure scrivendo un messaggio sulla nostra pagina di Facebook!

34 Comments

  1. Tonino ha detto:

    Boh? Non ho capito granché.. Al Nettuno non sono famosissimi per la simpatia e risparmio (neppure al gemello di Milazzo).. Però inviterei il sig. Careccia ad ottenere ormeggio gratuito x 24h a Lavagna o Porto Lotti.. X non sfidarlo a fare lo stesso a Viareggio, Scarlino e giù a scendere. Non vedo xchè in Sicilia dobbiamo essere sempre ospitali e servili al limite dell’ingenuità (magari in parata di benvenuto con coppola e maranzano in bocca). X quanto riguarda la CP poi le assicuro che è stato graziato, con un local non si sarebbero limitati ad un semplice rimprovero. L’Ordinanza c’è ed è severa. In sintesi la sua mi sa tanto di presunzione da nordico vs sudditi.

  2. Enzo Biassoni ha detto:

    io ho ormeggiato per tre ore circa 2 anni fa il 17/18 Agosto;credo di aver pagato un’inezia e sono stati gentilissimi(Ho un beneteu celebration 411)

  3. ivo blandina ha detto:

    Gentile Signor Careggia,
    chiunque legge e si fa una opinione…
    Lei conferma che nessuno le ha chiesto 100 euro per una sosta temporanea.
    A conferma che non abbiamo disatteso la regola che noi stessi ci siamo dati: sosta temporanea gratis se inferiore a 12 ore di giorno.
    Lei sostienenella sua prima lettera che i nostri MARINAI (lo sono davvero) l’avrebbero “cacciata”, salvo raccontare oggi che gli stessi le hanno detto che non c’era disponibilità di posto.
    “Le parole sono importanti” (cit.) e invece Lei le usa con disinvoltura e parlando di gente che fa onestamente il proprio mestiere.
    Ognuno ha pieno diritto di fare rimostranze e lagnarsi, purché lo faccia ad onor del vero, con responsabilità.
    Cordiali saluti

    • Angelo ha detto:

      Mi ascolti, vado in giro per porti da una vita, se vuole intendere che mi sono inventato tutto faccia pure nel contempo dia un occhio al forum “amici della vela” su quanto riguarda il suo marina e vedrà che non sono brillantissimi i commenti, ma, la querelle comincia a stancarmi.
      Ho chiesto prima di ormeggiare, avvicinatomi ho specificato che mi servivano due ore per fare compere e di colpo non c’era più posto!
      Cercavo un ormeggio nel porto e la capitaneria mi ha consigliato di venire da voi.
      Questi sono o fatti.
      Se poi tutto ciò porterà il vostro marina a cambiare il vostro modo comportamentale vorrà dire di avere sortito effetti altrimenti buon vento lo stesso, sarà l’incremento degli ospiti a farle capire se ho detto il vero o no.
      Angelo Careccia

  4. DANISKIPPER ha detto:

    i ragazzi del marina del nettuno sono sempre gentili, disponibili e professionali.impensabile che si siano mai dimostrati inospitali o poco disponibili. la struttura è sempre in efficienza ed è un riferimento per tutti noi che trasferiamo barche dal tirreno allo ionio e viceversa. i prezzi non sono economici ma giusti se si considera il servizio e sicuramente sono chiari e… fatturati!
    daniele

  5. ivo blandina ha detto:

    Dimenticavo,
    Careccia cita il Marina di Rodi Garganico, perchè è stato ospite gratis (?) per una notte.
    confrontate le loro tariffe con le nostre. mediamente più alte del 25% e sono IVA esclusa.
    controllare per credere.
    http://www.marinadirodigarganico.it/marina/tariffe.html

  6. Francesco ha detto:

    Conosco il Marina del Nettuno per esserci passato più volte sia in sosta temporanea che per pernottamenti, ho sempre apprezzato la professionalità dei MARINAI , forse chi scrive “locato circa un miglio a dritta guardando il vostro marina” e che entra in un porto senza prima andare ad informare, ritengo che non sia uno che va per mare da una vita o forse ci è sempre andato in maniera molto approssimativa.

    • Angelo ha detto:

      Ascolti signor De Angelis, la mia espressione voleva forse fare riferimento a delle indicazioni ricevute nella stessa maniera????

  7. Fabrizio ha detto:

    Punta Ala, una stagione di regate in tirreno, abbiamo deciso di far base da Aprile a Settembre li, un sogno.
    Disponibilità, attenzione ai costi, servizi quasi ineguagliabili.
    Sanno sempre cosa hai bisogno!
    Spero di tornarci quanto prima

  8. ivo blandina ha detto:

    Non ho detto che lei si è inventato tutto.
    Lei si é inventato di essere stato cacciato.
    Lei é inutilmente offensivo e diffamatorio con l’obiettivo di suscitare la suggestione che se non sganciava 100 euro non poteva fermarsi un paio d’ore a fare cambusa in riva allo stretto.
    Quanto poi al forum che lei cita ho visto che ci sono interventi e commenti (qualcuno positivo) di 6 persone negli ultimi anni.
    Facciamo tesoro della nostra esperienza e del parere dei nostri clienti: centinaia di transiti ogni anno e tanti apprezzamenti. Stiamo nel mercato e vogliamo essere riconosciuti per il buon lavoro che facciamo insieme ai nostri marinai. Uno di quelli in servizio quel giorno é un giovane tirocinante, regolarmente assunto, che va in barca a vela da quando aveva un mese di vita, sistemato in una culla fatta con rete da battagliola a mo’ di amaca. Oggi ha 17 anni, malato di mare, ha fatto regate sugli optimist, canottaggio, apnea, frequenta con profitto il liceo e quest’estate ha chiesto di lavorare al marina per passione e lo ha fatto con umiltà e con sacrificio. Ricordava perfettamente l’episodio e ieri mi ha raccontato di un normale scambio di informazioni con una barca che poi ha preferito non fermarsi per la notte.
    Si chiama Davide ed é mio figlio.
    Le rinnovo i miei cordiali saluti e mi chiedo chi ci darà ristoro per il danno di immagine che le sue affermazioni infondate ci procurano.
    Ivo blandina

    • Angelo ha detto:

      Signor Ivo, come ho detto prima, nessuno è perfetto, me compreso, e quindi può capitare come capita a me la giornata no come quella si, la prego di credere a quanto raccontato, sono innamorato della sua terra e specialmente della sua città e spero che quanto scritto in quest’occasione a torto o a ragione le possa servire per affinare dei modi comportamentali che CERTAMENTE non potranno che portare benefici alla sua bella struttura in termini di prestigio ed affidabilità e, di conseguenza, in termini materiali.
      Se me lo consentirà alla prossima mi propongo di venire a trovarla, via mare o via terra, per consumare una bottiglia di vino insieme.
      Angelo

  9. Maurizio D'Amico ha detto:

    Posso confermare che tutte le volte che mi sono fermato qualche ora al Marina del Nettuno trasferendo barche da charter o da regata non solo non ho pagato alcunchè, ma alle volte mi è stato anche offerto l’aperitivo. I gestori e i marinai del porto sono persone squisite e gente di mare alle prese con un “Marina” che tra l’altro non è semplice gestire per via degli alti fondali e della corrente presente. Insomma, fanno dei piccoli miracoli e tra l’altro ogni volta che passo dallo stretto anche senza fermarmi chiamo via telefono per avere notizie sulle correnti.. notizie che mi danno puntualmente e regolarmente con grande disponibilità. Il costo non mi sembra carissimo, visto che conosco i costi di Palermo, Salina ecc… Boh.. penso vi state capiti male… magari c’erano gia’ prenotazioni di barche che dovevano entrare…
    Faccio una riflessione su marinaio Angelo: se ha ritenuto di non farvi pagare la notte in porto ha in effetti fatto una cortesia.. ma a nome degli ignari gestori….
    …e comunque.. ma vale la pena fra uomini di mare fare sto casino? sono sicuro che se la situazione fosse affrontata diversamente lei sarebbe un gradito ospite alla prima occasione dei signori Blandina…
    …Non vedo comunque alcun danno di immagine per loro dato che tutti quelli che passiamo da Marina del Nettuno sia a Messina che a Milazzo conosciamo bene disponibilità e cortesia del personale… una situazione del genere non puo’ certamente scalfire il loro buon nome.

  10. Paolo Rastrelli ha detto:

    Sono molti anni che ho cancellato la marina di Nettuno dai miei viaggi verso la Grecia. Può darsi che le cose siano cambiate, ma
    io non conservo un buon ricordo.

  11. albano ha detto:

    mah! In passato ho fatto alcune tappe del mitico “Girovela” del buon Cino, mi occupavo della logistica a terra dell’imbarcazione “Riva del Garda” e devo sinceramente dire che al marina Nettuno ci siamo sempre trovati molto, ma molto bene, avevamo una sorta di villaggio ingombrante piazzato all’interno del minuscolo marina e la sorveglianza da parte del personale era eccellente

  12. ivo blandina ha detto:

    Signor Angelo,
    ha ragione il buon Maurizio D’Amico e quindi accetto di buon grado che Lei ci venga a trovare. L’aspetto.
    Rinnovando l’uso che a fine regata, soprattutto con i nostri cugini armatori dell’altra sponda dello stretto, le proteste si discutono davanti ad un buon bicchiere di vino anziché davanti al comitato di regata.
    Invito Lei, il suo equipaggio e la redazione del GdV a venire al Marina del Nettuno per un conviviale tra gente di mare.
    Cordiali saluti
    Ivo

    ivo

  13. Marco Migliardo, trophy 2052 ha detto:

    Leggendo i commenti entusiasti riguardanti il marina del nettuno m’è venuto il dubbio di avere l’alzheimer! Sono un giovane messinese, ho tenuto la barca li (un trophy wa 2052 di sei metri e mezzo) quasi sette anni fa, per tre mesi, pagando per un anno (la barca durò poco, fortunatamente era in garanzia) l’irrisoria cifra di 3000 euro, non prima d’aver dovuto chiedere raccomandazioni per quattro mesi per ottenere un posto barca, il che rese impossibile effettuare la prova in mare del natante prima dell’acquisto, con le conseguenze di cui sopra; non avevo e non ho più chiesto raccomandazioni in vita mia, ma quel posto mi serviva ad ogni costo, avendo appena fondato un’associazione di pesca sportiva. Lo spazio concessomi ospitava la barca a malapena, in quanto situato nella parte più interna e stretta del porto, le barche che stavano li erano tutte almeno mezzo metro più corte; Ricordo infine la gentilezza che a me e mio padre riservava la segretaria a cui ci rivolgemmo più volte nei quattro mesi in cui brigavamo per ottenere il posto barca, una donna squisita come il caffè col sale. Sono certo però che molti altri utenti del marina sono e saranno entusiasti del trattamento ricevuto dal marina del nettuno, specialmente se portano il cognome o sono amici del mister burns autoctono.

    • Marco Migliardo ha detto:

      Non so se sei un mio omonimo o solo un millantatore ma purtroppo per te come già scritto da Ivo oltre ad aver lavorato al Marina, mi sento di dire di esser un MARINAIO avendo girato mezzo mondo in barca a vela , e conoscendo perSonalmente tutto il personale che nel tempo ha lavorato al Marina del Nettuno posso dire che sono professionisti molto validi, visto la difficili situazioni che si trovano nello stretto. Poi leggendo gli altri commenti dei grandi “navigatori”, scusate ma se non si vuole pagare e non si è in difficoltà , perché non fermarsi in rada ?

  14. Ivo blandina ha detto:

    Sei un signore!
    Tu sei un millantatore e stai rubando l’identità di un mio carissimo amico . Marco Migliardo che, tra l’altro, ha lavorato alla realizzazione del marina e proseguito nei primi anni di attività. Sei falso come una banconota da sette euro!
    Uno che vigliaccamente si nasconde per dire cose false e offendere.
    Ho salvato questa pagina, Attivo subito i miei legali per identificarti e querelarti.
    Segnalo la cosa subito a Marco affinché si possa tutelare anche lui.
    Con disistima e disprezzo.
    Ivo blandina

  15. Marco Migliardo ha detto:

    Sono vero e mi chiamo proprio così, carissimo, ed i fatti di cui ho parlato purtroppo sono accaduti davvero. Strano che non teniate dei registri o qualcosa del genere per controllare se chi dice di esser stato vostro cliente, fornendo nome e cognome, tipo di barca e periodo, dica il vero o il falso. A proposito di falso… non mi impensierisce che la mia identità sia messa in dubbio da qualcuno che tra un paio di mesi dovrà comparire dinanzi al giudice per truffa alla regione (http://www.gazzettadelsud.it/ricerca.jsp?q=ivo%20blandina), sempre che non si tratti di un caso di omonimia…

    • ivo blandina ha detto:

      Appurata l’omonimia…
      hai fatto sapere al mondo che subirò un processo. bravo.
      A parte la presunzione di innocenza sino alla condanna definitiva, devi sapere che l’ipotesi é che io abbia (da amministratore dell’azienda) sottoscritto un contratto di ormeggio (così come ho fatto con te) e che l’armatore si presume abbia utilizzato in modo difforme da quanto previsto una imbarcazione acquistata con agevolazioni. Sul piano della responsabilità penale affronto, serenamente e con rispetto istituzionale, questa prova per me durissima perché ho sempre operato con correttezza in ogni ambito della mia attività di impresa.
      Riponi lo spargi letame. Non funziona.
      Mi sto facendo dare la copia del contratto per risponderti puntualmente sulla tua esperienza al Marina del Nettuno.

      • ivo blandina ha detto:

        Il contratto datato 29/6/07 era intestato all’azienda PARTY NELLO STRETTO.
        Hai pagato (con assegno di tuo padre) per un posto barca della stessa classe del tuo Baylainer per un anno.
        Poi se la barca non andava bene sono fatti tuoi e se non l’hai provata prima (barca usata) sono ancora fatti tuoi.
        Il posto è rimasto nella tua disponibilità per un anno come da contratto
        Hai aspettato QUATTRO mesi parlando con la nostra segretaria ? falso anche questo perchè l’attribuzione della partita IVA è del 13/06/07!.

        L’unica cosa vera che dici è che ti chiami Marco Migliardo.
        Anzi no. è vero che ti sei fatto raccomandare (non c’era bisogno perché un posto si era appena liberato).
        Ometto di farti il riportino del link di un articolo che parla di raccomandazioni, sempre che non si tratti di omonimia…

      • Marco Migliardo, trophy 2052 ha detto:

        Son contento di sapere che il mondo legge me e non i giornali, da piccolo infatti volevo fare il giornalista. Complimenti per lo stile e la coerenza: un commento prima afferma sprezzante che io sia un fake, mi da del millantatore e del vigliacco agitando in aria legali e querele, un commento dopo si appella alla presunzione d’innocenza. Avrà modo di chiarire le sue accuse nelle sedi opportune, ché a me il ruolo di giudice non mi spetta e non mi attira.

      • Marco Migliardo, trophy 2052 ha detto:

        Son contento di sapere che il mondo legge me e non i giornali, da piccolo infatti volevo fare il giornalista. Complimenti per lo stile e la coerenza: un commento prima afferma sprezzante che io sia un fake, mi da del millantatore e del vigliacco agitando in aria legali e querele, un commento dopo si appella alla presunzione d’innocenza. Avrà modo di chiarire le sue accuse nelle sedi opportune, ché a me il ruolo di giudice non mi spetta e non mi attira

  16. Marco Migliardo ha detto:

    Marco Migliardo: si, siamo omonimi, ed alla lontana anche parenti.

  17. Marco Migliardo, trophy 2052 ha detto:

    Cos’è questa storia dell’azienda? Non ho ancora fondato, posseduto o diretto aziende, s.p.a., s.r.l. o quant’altro le viene in mente, quindi la prendo come un augurio; la mia era un’associazione sportiva, la partita iva venne aperta per altri motivi, rimase totalmente inattiva e dopo una settimana venne chiusa, quindi che c’entra? Ho pagato ben 3000 euro affinché nel marina che lei ha in concessione una barca di sei metri e mezzo usata venisse ospitata per un anno, e su questo almeno siamo d’accordo; certo un po’ della disponibilità che lei ed altri qui nei commenti sbandierate come qualità del vostro marina nel mio caso avrebbero potuto aiutarmi ad evitare una perdita economica importante, ma, e qui finalmente torniamo in tema, i fatti prima e le sue risposte adesso parlano chiaro (“sono fatti tuoi”: non le passa nemmeno per il bompresso che chi legge si sta facendo un’opinione precisa riguardo il suo modo di fare). Nei quattro mesi che ho aspettato da quando le chiesi la disponibilità di un posto barca parlai non solo con la sua segretaria, ma più volte anche con lei, ricordo che in uno dei nostri colloqui provò anche a vendermi un robalo. Mi sono fatto raccomandare per avere un posto barca nel suo esclusivo club da più persone di sua conoscenza, finché per coincidenza la mattina che la chiamò un politico col doppio cognome il posto finalmente si rese disponibile per l’ora di pranzo. Ancora mi rimorde aver chiesto quel favore, ma lei a messina opera in regime di monopolio, l’alternativa al compromesso era rinunciare del tutto al mio progetto e mangiarmi il fegato ascoltando le sue dichiarazioni sull’incentivare la nautica, il turismo e le iniziative dei giovani quand’era presidente di confindustria. “Ometto di farti il riportino del link di un articolo che parla di raccomandazioni, sempre che non si tratti di omonimia…”: Blandina lei dice e non dice, denunci pure tutto quel che sa sul mio conto, tanto è da un pezzo che siamo ot, ma non mi confonda con qualcun altro se no diventa noioso.

    • ivo blandina ha detto:

      Vedi la coerenza sta proprio nell’aver preso atto della tua identità, e nell’aver preso atto che comunque vuoi sostenere un attacco gratuito e ingiustificato, sostenendo cose false.
      La logica non ti aiuta. La memoria nemmeno.
      La ditta PARTY DELLO STRETTO è la tua. ho qui il certificato di attribuzione P.IVA come azienda individuale ed il contratto nr. 83/07 è intestato alla tua ditta e non ad una associazione.
      Quanto alla disponibilità del posto barca voglio ricordarti che i nostri ormeggi sono “definiti” dalla presenza dei fingers e non è possibile far crescere di numero i posti disponibili e nemmeno sovrapporre le barche. Il tuo posto non avremmo potuto inventarlo nemmeno se la raccomandazione fosse pervenuta da un ministro. Si è reso disponibile per la rinuncia al rinnovo del contratto da parte di altro armatore. Quindi se ti sei fatto raccomandare da più persone e da un politico. Datti pace il rimorso che ti assale è inutile oggi come allora.
      Il marina è l’unico a Messina, ma non è un club e non opera in regime di monopolio. Centinaia di barche trovano ricovero e sistemazione alla boa lungo la riviera nord, presso altre strutture.
      Puoi scegliere dove andare, così come puoi farti aiutare da chi ti pare senza ritenere sia un obbligo per la marina dare suggerimenti e consigli a utenti, che seppur ancor giovani a 38 anni, dovrebbero essere in grado di comprare e gestire una barca di sei metri in autonomia.
      Il livello di servizio del marina e le tariffe sono adeguate agli standard. E’ quello che avrai capito leggendo i commenti di chi ha inteso intervenire.
      Il punto è che si può dissentire, ci si può lamentare di disservizi e di quello che ci pare, ma è inammissibile è che si getti fango sulle persone.
      Le frasi tipo “squisita come il caffè col sale” indirizzate ad una dipendente apprezzata da tutti sono inutilmente offensive.
      Come è inutile ma divertente invece il riferimento a mr burns.
      Lascia perdere i riferimenti ai miei impegni personali e associativi non c’entrano nulla.

  18. Marco Migliardo, trophy 2052 ha detto:

    La memoria e la logica mi dicono che non esisto, che riceverò querele, che ho sognato d’averla incontrata più volte per quattro mesi, che lei riporterà link che rimandano ad articoli che affermano che io sia stato raccomandato dal parroco… Illogicità, falsità: dov’è che ho scritto che il posto barca fosse intestato ad un’associazione? Il posto barca venne affittato da me (ditta individuale perché aprii partita iva) per operare con un’associazione di pesca sportiva. Il tema dell’articolo qui sopra però è un altro. La disponibilità dei posti barca nel suo porticciolo a più d’uno è sembrata più elastica di quanto lei fa intendere, in caso contrario l’articolo da cui parte questa discussione non avrebbe ragion d’essere. Nel caso del signor Careccia il problema è stato quello dei posti dedicati al transito, nel mio caso la spiegazione che mi diedi per le difficoltà incontrate per affittare un posto nel suo marina fu che la mia attività potesse in qualche modo risultare sgradita, ma questa è solo una mia supposizione, i posti che anche quest’estate erano vuoti devo averli immaginati, lei ha i contratti in mano e certamente potrebbe dimostrare che appartengono a diportisti che passano tutto il loro tempo in mare. Comunque sia, per i naviganti che necessitano di un ormeggio momentaneo, o per quello che avevo intenzione di fare io, l’ormeggio alla boa presenta difficoltà oggettive facilmente immaginabili. Consigli e suggerimenti non ne chiesi mai, ne a lei ne ai suoi dipendenti. Inutilmente offensive sono molte sue affermazioni, conseguenza delle quali è la perdita di senso di questa discussione

  19. Ivo blandina ha detto:

    Ecco bravo ritirati in buon ordine che tanto non ci arrivi e non capisci.
    La vedi la foto pubblicata in questa pagina? Ingrandiscila e vedi quanti posti ci sono disponibili.
    Lasciaci fare il nostro lavoro e non fare illazioni.
    Rimane il fatto che avresti potuto a suo tempo, non dopo sette anni di assoluto silenzio, manifestare il tuo disappunto. Per cosa non sei riuscito a dirlo.
    Sei stato tu offensivo. Pure con una signora, una dipendente, alla quale hai rivolto insulti gratuiti e immeritati.

  20. GRACEII ha detto:

    Chi tanto si dilunga…..vuol dir che qualcosa c’è’ che lo punga !!!!!,
    Siate tutti più disponibili e veramente serve collaborazione per incentivare e aiutare la marineria diportista ….. Prezzi giusti servizi e cortesia sono la miglior cosa che ci sia !!!!!!,
    Diamo una svolta alla diffusione del navigar x mare
    Un saluto
    P.s.
    Un consiglio …a TUTTI I MARINA esponete un cartello con su scritto qui vale la proposta BURLANDO E TUTTI potete sostare per quanto stabilito
    Ancora un saluto e buon vento

  21. elio vulpis ha detto:

    chiudete il caso, grazie.

  22. claudia ha detto:

    Sono stato vittima della stessa truffa, ma grazie alla polizia di Interpol, sono riuscito a trovare i miei soldi e questi truffatori sono stati messi agli arresti. Bravo Interpol si può fare un giro vedere http://cyber-interpol.com/plainte.php

  23. Giandomenico ha detto:

    Cari amici
    i problemi nei porti in italia sono tanti,importante che ci sia educazione e buon senso da parte di entrambi.
    P.s. Di solito chi va per mare per lavoro è molto stressato.
    I Marina dovrebbero essere più disponibili nell’accogliere le diverse imbarcazioni sia in transito che in sosta.
    Buon vento a tutti

  24. recycled furniture ha detto:

    It¡¦s actually a nice and useful piece of info. I am happy that you simply shared this helpful info with us. Please keep us informed like this. Thanks for sharing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi