Melges 24: anno nuovo, candelieri più corti per stazza (finalmente!)

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

melges-hikingSapete che cosa vuole dire hiking? In inglese, indica l’azione compiuta dai membri dell’equipaggio quando sfruttano le draglie per far peso sopravvento. In particolar modo sui Melges 24, dove la zavorra diventa un fattore chiave vista la reattività dello scafo, l’hiking, o meglio, il “taco hiking” nella sua accezione più estrema (il corpo piegato sulle draglie ricorda la forma di un taco) è estremamente importante.

CANDELIERI MOZZATI
A partire dall’1 gennaio2014 la Classe Melges 24 ha approvato una modifica che ha fatto tirare sospiri di sollievo a tutti gli equipaggi del one design più di successo degli ultimi anni. Ce la facciamo raccontare da Riccardo Simoneschi, vincitore delle ultime Audi European Sailing Series e, soprattutto, presidente dell’International Melges Class Association: “I candelieri – spiega Simoneschi – sono stati accorciati e ora la hiking line è a circa 35 cm dalla coperta e tesa per regola di stazza (una tolleranza minima). In questo modo la posizione di hiking diventa la stessa per tutti e tre i membri di equipaggio ed è molto piú confortevole”.

BASTA SOFFRIRE
In passato l’uno ed il tre
(rispettivamente, i membri dell’equipaggio più a poppa e più a prua, timoniere escluso) avevano la hiking line alta sul busto e rimanevano “appesi” in una posizione molto faticosa e scomoda. Inoltre il candeliere piú basso facilita il recupero del gennaker. “Una modifica semplice ed efficace – conclude Simoneschi – che come troppe altre cose nella “democrazia” della vela ha richiesto un tempo lunghissimo per passare. Come presidente (e velista) sono contento di esserci riuscito”.

LA MODIFICA COSTA POCO E NON RIDUCE LE PERFORMANCE
Per minimizzare il costo della modifica, il cantiere Melges ha ideato una soluzione ingegnosa che consente di tagliare i vecchi candelieri e di fissare un cappuccio all’estremità degli stessi, a un costo che si aggira intorno ai 35 dollari. Una sola perplessità era stata avanzata dai velisti: vista la tensione e la riduzione di altezza dei candelieri, non potrebbe essere che chi sta fuori alle draglie non riesca a spingersi all’esterno come prima, diminuendo il momento raddrizzante? Per adesso non sono stati registrati cali nelle performance delle barche, perché i tre membri dell’equipaggio sono in grado di stare fuori tutto il tempo, senza cambiare continuamente posizione per permettere al sangue il circolare negli arti inferiori come succedeva fino a poco tempo fa.

(foto di Pierrick Contin)

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Torna su