Questo relitto è una delle più belle barche della storia. Adesso rinasce a nuova vita

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

renettaGuardate qui sopra e inorridite, il relitto appena tirato su dal fondo è quello della barca di Coppa America (classe 12 m SI) “Renetta” disegnato nel 1939 da Alfred Mylne per sir William Burton. Giaceva abbandonato e affondato in Canada a Vancoover. Ora si trova, dopo essere stato smontato a pezzi e trasportato con un container in Germania a Flensburg, nel cantiere Robbe & Berking Classics dove verrà ricostruito e messo in vendita. Per chi fosse interessato ecco la mail: classics@robbeberking.de


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

10 commenti su “Questo relitto è una delle più belle barche della storia. Adesso rinasce a nuova vita”

  1. In Canada sono abituati a tirar su dei tronchi! Purtroppo qui hanno pensato fosse la stessa cosa usando gli stessa cosa. Le cinghie triple con aggiunta di tavole tra cinghie di prua e quelle di poppa, avrebbero distribuito lo sforzo su una superficie , già debole, molto più grande preservando lo scafo. Poi ognuno la pensi come vuole. Se poi, invece, visto che doveva essere messa a pezzi dentro un container, la gru, forse, è servita a dare una mano? Speriamo che ritorni splendida!

  2. In Canada sono abituati a tirar su dei tronchi! Purtroppo qui hanno pensato fosse la stessa cosa utilizzando la stessa tecnica. Le cinghie triple con aggiunta di tavole tra cinghie di prua e quelle di poppa, avrebbero distribuito lo sforzo su una superficie , già debole, molto più grande preservando lo scafo. Poi ognuno la pensi come vuole. Se poi, invece, visto che doveva essere messa a pezzi dentro un container, la gru, forse, è servita a dare una mano? Speriamo che ritorni splendida!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su