developed and seo specialist Franco Danese

Questo relitto è una delle più belle barche della storia. Adesso rinasce a nuova vita

Vince l’ARC, è bellissima e si manovra “da sola”. Storia di una barca eccezionale
9 gennaio 2014
Messina, diportista cacciato dalle banchine: ecco la risposta del marina
10 gennaio 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

renettaGuardate qui sopra e inorridite, il relitto appena tirato su dal fondo è quello della barca di Coppa America (classe 12 m SI) “Renetta” disegnato nel 1939 da Alfred Mylne per sir William Burton. Giaceva abbandonato e affondato in Canada a Vancoover. Ora si trova, dopo essere stato smontato a pezzi e trasportato con un container in Germania a Flensburg, nel cantiere Robbe & Berking Classics dove verrà ricostruito e messo in vendita. Per chi fosse interessato ecco la mail: classics@robbeberking.de

10 Comments

  1. adolfo mellone ha detto:

    Beh, almeno potevano imbracarlo con un po’ più di cura……hanno sbriciolato mezzo fasciame !

  2. giac ha detto:

    E’ completamente marcia….non è buona neanche per il caminetto…..

  3. bruno ha detto:

    viva i monoscafi!

  4. barca ha detto:

    ridotta maluccio.. di lavori ne servono parecchi direi

  5. fabrizio ha detto:

    Ho visto una barca d’epoca “abbandonata” in un cantiere nel porto di Anzio … chissà se la conoscete…

  6. Andrea ha detto:

    In Canada sono abituati a tirar su dei tronchi! Purtroppo qui hanno pensato fosse la stessa cosa usando gli stessa cosa. Le cinghie triple con aggiunta di tavole tra cinghie di prua e quelle di poppa, avrebbero distribuito lo sforzo su una superficie , già debole, molto più grande preservando lo scafo. Poi ognuno la pensi come vuole. Se poi, invece, visto che doveva essere messa a pezzi dentro un container, la gru, forse, è servita a dare una mano? Speriamo che ritorni splendida!

  7. Andrea ha detto:

    In Canada sono abituati a tirar su dei tronchi! Purtroppo qui hanno pensato fosse la stessa cosa utilizzando la stessa tecnica. Le cinghie triple con aggiunta di tavole tra cinghie di prua e quelle di poppa, avrebbero distribuito lo sforzo su una superficie , già debole, molto più grande preservando lo scafo. Poi ognuno la pensi come vuole. Se poi, invece, visto che doveva essere messa a pezzi dentro un container, la gru, forse, è servita a dare una mano? Speriamo che ritorni splendida!

  8. adolfo mellone ha detto:

    Forse il bulbo lo recuperano !

  9. Ivo blandina ha detto:

    Il legno é eterno. Tornerà a navigare come tante altre splendide barche

  10. Domenico Liguoro ha detto:

    Ma che faccia tosta……se avesse un tesoro nascosto nel cassoni di galleggiamento allora potremmo pensarci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi