Sydney-Hobart 2013, tutta l’adrenalina in pochi secondi VIDEO

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Uno splendido video riassume in pochi minuti l’edizione numero 69 della Rolex Sydney-Hobart, la “classica” dell’altura australiana. Un’edizione che sarà ricordata soprattutto per le condizioni meteo proibitive e per il ventone (con punte fino a 57 nodi) che ha causato disalberamenti e ritiri.

GUARDA IL VIDEO

L’INFERNO ARRIVA DURANTE IL QUARTO GIORNO DI REGATA
I maxi (come Wild Oats XI, vincitore in tempo reale) hanno già concluso la loro regata quattro giorni dopo la partenza: le barche più “normali” invece e no e si trovano ad affrontare il maltempo. Il brusco cambiamento delle condizioni atmosferiche durante la notte ha avuto pesanti conseguenze: cinque barche si sono ritirate, tra cui il Clipper 70 inglese Henri Lloyd che ha rotto il timone a est di Cape Barren Island, e Wedgetail che ha disalberato al largo della Tasmania.

Nonostante la previsione con tempistica perfetta, molti concorrenti sono stati sorpresi dalla velocità del fronte da sud-ovest. Le condizioni al largo della costa orientale della Tasmania erano parecchio insidiose per molte barche della flotta – anche se non eccessivamente insolite per la Rolex Sydney Hobart – in particolare a Tasman Island, dove il percorso ha richiesto alla flotta di affrontare di petto il forte vento da sud-ovest e onde enormi.

Lo yacht Kerumba ha trovato 40-45 nodi costanti di vento al largo della Tasmania, con un picco di 57 nodi. Il navigatore Rob Buchanan ha commentato che lo stato di mare era gestibile, con onde di 4-5 metri. Buchanan ha commentato: “Un paio di volte siamo stati travolti da onde molto grandi, ma il mare non era eccessivamente agitato. Probabilmente avevamo un po’ troppa tela, con il fiocco quattro e randa con due mani. Eravamo dell’opinione che ci serviva un po’ di potenza per attraversare le onde”.

Victoire di Darryl Hopkington era impegnata in una corsa sfrenata verso sud, e quando il Cookson 50 ha tagliato il traguardo alle 08:00 AEDT, ha conquistato il comando assoluto in tempo compensato. Lo skipper di Sydney ha elogiato il tattico e stratega Sean Kirkjian – veterano di 17 edizioni della regata – commentando: “E’ un mago che sa giocare a scacchi con l’oceano”. Victoire ha dovuto aspettare la notte per vedere se eventuali concorrenti avrebbero raggiunto Hobart in tempo per spodestarla.

Photo Rolex / Carlo Borlenghi
Photo Rolex / Carlo Borlenghi

LE CLASSIFICHE FINALI DELLA ROLEX SYDNEY-HOBART
Line honours: Wild Oatx XI (Bob Oatley)
Overall, IRC 0, ORCi 1: Victoire (Daryl Hodgkinson)
IRC 1: Varuna (Jens Kelinghusen)
IRC 2: Veloce (Phil Simpfendorfer)
IRC 3: Brannew (Chris Bran)
IRC 4, ORCi 3: Wild Rose (Roger Hickman)
ORCi 2: Chutzpah (Bruce Taylor)
PHS 1: Spirit of Mateship (RSL Queensland Branch)
PHS 2: She (Peter Rodgers)
Clipper 70: Mission Performance (Clipper Ventures GB)
Clipper 70/1: Derry-Londonderry-Doire (Clipper Ventures GB)
Sydney 38: Zen (Gordon Keteldey)

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Sydney-Hobart 2013, tutta l’adrenalina in pochi secondi VIDEO”

  1. My wife and i got now fortunate when Michael could round up his research with the ideas he received in your web page. It is now and again perplexing to just find yourself handing out guidelines which usually others could have been selling. And we also understand we now have you to appreciate for that. The most important illustrations you have made, the straightforward blog navigation, the friendships you help to promote – it is all terrific, and it’s really making our son in addition to us believe that the article is interesting, and that is really serious. Many thanks for everything!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO Un rientro in porto da leoni

Un ingresso in porto da veri eroi per i due velisti a bordo di questo catamarano: hanno saputo aspettare il momento giusto per “surfare” grazie alle altissime onde che frangono in prossimità della costa inglese del Merseyside, a Southport. GUARDA

velisti-salvati

VIDEO Tre velisti salvati nella tempesta appena prima del naufragio

Per fortuna che c’è la RNLI, dicono gli inglesi e gli irlandesi. Acronimo di Royal National Lifeboat Institution, è un ente fatto da volontari con un unico scopo. Salvare vite in mare. I suoi volontari forniscono un servizio di ricerca e

uomo a mare

VIDEO Uomo a mare recuperato in 28 secondi netti. Applausi!

Questo video, apparso sulla pagina Facebook di Drone Project, mostra una manovra di recupero dell’uomo a mare eseguita alla perfezione. Fidatevi, non era facile. Considerando anche la flotta di barche in velocità e a distanza ravvicinata. Siamo alla prima tappa

Registrati



Accedi