developed and seo specialist Franco Danese

Sydney Hobart, Wild Oats vince per la settima volta! Le altre barche nella tempesta

Best of 2013 – Vivere in barca con 500 euro al mese: “Si può fare”
29 dicembre 2013
Best of 2013 – Vincere una “lunga” con la tua barca? Certo che puoi!
29 dicembre 2013

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

brindabella-tempesta29 dicembre – Nella notte è arrivata la tempesta, con venti da sudovest di oltre 40 nodi per il resto della flotta, con disalberamenti e ritiri, come quello del Clipper di 55 piedi Henri Lloyd, che ha disalberato a est di Cape Barren Island, nel mar di Tasmania. Era considerata una delle imbarcazioni favorite per la vittoria in compensato. Attualmente sono 65 le barche ancora in gara: 19 sono già arrivati, 10 i ritiri. Si attende per sapere chi ha vinto in compensato questa Sydney Hobart numero 69.

28 dicembre – Il super maxi di 100 piedi Wild Oats XI ha vinto per la settima volta la Sydney-Hobart, eguagliando il record di successi detenuto da Kurrewa IV. Lo yacht condotto dallo skipper Mark Richards ha concluso la regata (lunga 628 miglia) in due giorni, sei ore e sette minuti, ben lontano dal record che aveva siglato l’anno scorso, di un giorno, 18 ore e 23 minuti. Il supermaxi Perpetual Loyal, più pesante di Wild Oats XI e per questo danneggiata dai venti inusualmente deboli sul percorso notoriamente turbolento, insegue a una trentina di miglia, mentre Ragamuffin 100 è terzo ancora più staccato. La maggior parte delle 91 barche partite da Sydney è ancora in mare e le ultime rischiano di essere investite da netto peggioramento delle condizioni meteo. Wild Oats XI, che appartiene al miliardario australiano Bob Oatley, ha già vinto la Sydney-Hobart ininterrottamente tra il 2005 e il 2008 e poi nel 2010 e nel 2012

perpetual loyal27 dicembre –  Durante la notte, Perpetual Loyal si è mantenuta più al largo rispetto al 100 piedi Wild Oats: una scelta che ha pagato perché Bell e compagni hanno guadagnato 14 miglia su Oatley, sei volte vincitore della regata. Un vantaggio consistente se si considerà che il Perpetual è una barca che dà il meglio di sé in condizioni di vento forte, che per ora ancora non ci sono state.

Ma intorno alle ore 12 locali, Wild Oats ha recuperato portandosi in testa, anche se di poco. Ora sarà tutta una questione di meteo. Presso lo stretto di Bass ci sono ancora venti leggeri, ma per il 28 dicembre ci si aspetta un cambio con vento da nordovest in aumento man mano che la flotta scenderà verso sud. Per sabato pomeriggio sono previsti infatti venti dai 20 ai 30 nodi, e lì sicuramente si cambieranno le carte in tavola.

Al terzo posto Raggamuffin 100, con a bordo Syd Fischer, alla sua 45ma Sydney-Hobart. Syd Fischer è un vero mito della vela, ha partecipato a cinque edizioni della Coppa America eguagliando il record di sir Thomas Lipton e ha corso 42 edizioni della Sydney-Hobart vincendo due volte in tempo reale (1988/1990) e una sola volta in tempo compensato nel 1992 con il suo meraviglioso maxi progettato da German Frers.

sydney-hobart-partenza26 dicembre – Sono ben 94 le imbarcazioni che si sono presentate sulla linea di partenza di questa Rolex Sydney Hobart numero 69: la grande classica dell’altura internazionale, che si sviluppa su 628 miglia da Sydney a Hobart, in Tasmania, organizzata dal Cruising Yacht Club of Autralia. Un vero e proprio spettacolo nelle acque antistanti la capitale australiana: il vento da scirocco di 12-15 nodi era proprio quello che ci voleva per una partenza spettacolare ma senza “casini”.

Alle 3 di mattina italiane del 26 dicembre la flotta ha varcato la starting line per iniziare la discesa della costa del Nuovo Galles del Sud. Pareva che Wild Oats XI del magnate del vino, nonché challenger prescelto dagli americani per la prossima Coppa America Robert “Bob” Oatley fosse destinata a vincere facile, vista la sua nuova configurazione con tanto di DSS e invece Perpetual Loyal di Anthony Bell, con a bordo il laserista plurimedagliato (e vincitore dell’America’s Cup) Tom Slingsby si è subito portato in testa.

LEGGI ANCHE
IL SEGRETO DI BOB OATLEY: TUTTO SUL DSS DI WILD OATS XI
BEAU GESTE VS WILD OATS XI: LA SFIDA IPERTECNOLOGICA

1 Comment

  1. […] Sydney Hobart, Wild Oats vince per la settima volta! Le altre barche nella tempesta // dicembre 29, … […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi