Alberto Bona, il futuro della vela oceanica

alberto-bonaALBERTO BONA, 27 ANNI

PERCHE’ LO ABBIAMO CANDIDATO
Alberto Bona incarna alla perfezione la nuova generazione di navigatori oceanici italiani che sta dando del filo da torcere ai “maestri” francesi. Lo conferma il suo grandissimo quinto posto alla Mini Transat 2013 tra i Serie, ottenuto nonostante i numerosi problemi tecnici, come la rottura del segnavento e l’avaria a un timone causata dall’urto con un grosso pesce.

CURRICULUM
Nato a Torino il 9 maggio 1986, scopre la vela da giovanissimo navigando sulla barca di famiglia. Inizia sulle derive ma si avvicina presto alle regate sui cabinati e alla navigazione d’altura. L’avventura ce l’ha nel sangue: nel 2006 naviga da La Spezia alla Corsica su un “guscio” lungo appena 2 metri e mezzo costruito in garage di casa sua. Nel 2012 è Campione Italiano Mini e vince la Mini Barcelona. Nel 2013 è quinto tra i serie alla Mini Transat.

TORNA ALLA PAGINA DELLE VOTAZIONI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Alberto Bona, il futuro della vela oceanica”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su