Ben Ainslie fregato, Luna Rossa “suona” il mago di Oracle

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

AINSLIE SCONFITTO 3-2
Il team Luna Rossa Challenge con l’equipaggio composto da Francesco Bruni (timoniere), Xabi Fernandez (randista/tattico), Pierluigi de Felice (tailer) e Nick Hutton (prodiere) ha dominato alla Argo World Cup di Hamilton (Bermuda). Francesco Bruni e il suo equipaggio hanno vinto 17 regate sulle 20 disputate dall’inizio dell’evento, che ha preso il via lo scorso martedì 8 ottobre, e hanno battuto in finale 3-2 il team di Ben Ainslie, il più titolato velista di sempre con 5 medaglie olimpiche (quattro ori e un argento) e recente vincitore dell’America’s Cup; a bordo con Ainslie anche il campione olimpico di Star Ian Percy nel ruolo di tattico. La finale si è svolta con vento molto instabile tra i 10 e i 12 nodi, che ha reso particolarmente impegnative le regate sotto il profilo della tattica e della conduzione delle imbarcazioni. Francesco Bruni e il team di Luna Rossa hanno sempre controllato l’avversario in partenza, vincendo con ampio margine le tre prove necessarie ad assicurarsi la tappa.

World Match Racing Tour, Argo Cup, Bermuda,Francesco Bruni, tattico dell’AC72 Luna Rossa durante 34^ America’s Cup, e nel ruolo di timoniere alla Argo Group Gold Cup, ha dichiarato: “Sono molto soddisfatto del risultato e ringrazio il mio equipaggio con cui condivido il merito di questa vittoria importante.Questa regata faceva parte del programma di allenamento di Luna Rossa. Siamo passati dalle velocità degli AC72 a quelle degli International One Design; sicuramente c’è una grande differenza, ma resta sempre appassionante misurarsi nel match race ad armi pari, in particolare con un campione del calibro di Ben Ainslie”.

LO IOD, CHI ERA COSTUI?
L’International One Design (IOD), è un 10,21 metri fuori tutto (per 2,10 di larghezza) brogettato da Bjarne Aas nel lontano 1936. La classe IOD è stata la prima a ricevere lo status di “International Classic yacht” da parte della Federazione Internazionale di Vela. Oggi viene utilizzata soprattutto per le regate di match race ed è considerata ancora oggi una delle barche più difficili, perché a causa della sua lenta accelerazione non consente il minimo errore. È la barca ufficiale della tappa delle Bermuda dell’Alpari World Match Racing Tour, un circuito che comprende anche altre cinque tappe (Germania, Corea, Svezia, Stati Uniti e Malesia), ognuna delle quali si corre con un monotipo diverso.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Ben Ainslie fregato, Luna Rossa “suona” il mago di Oracle”

  1. Have you ever considered publishing aan e-book or
    guest authboring on other blogs? I have a blog centererd on
    the same subjects you discuss and would love to have you share some stories/information.
    I know my readers would value your work. If you’re even remoteloy interested, fesl free to send me aan e
    mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su