Ultime:

A settant’anni partono per circumnavigare il mondo a vela

Quello di Massimo e Paola non sarà un semplice giro del mondo a vela, ma anche una missione umanitaria: cinque anni in barca, partenza nella primavera del 2019

La vela ci insegna ogni giorno che non esiste un’età per decidere di lanciarsi in un’avventura intorno al mondo. Così il medico Massimo Vecchietti e sua moglie, Paola Broggi, hanno deciso di lanciarsi a settant’anni nella circumnavigazione della terra da est a ovest seguendo la fascia degli Alisei, venti costanti che spirano nelle regioni tropicali. Il progetto si chiama Drops in the Sea e non prevede un semplice viaggio fine a sé stesso. “Questa non è certamente una impresa titanica, né siamo i primi a farlo, ma noi vorremmo caratterizzarla, oltre che come esperienza di navigazione, anche – e soprattutto – con finalità umanitarie, portando ai bambini ed alle popolazioni disagiate degli arcipelaghi lontani materiale scolastico , farmaci e assistenza medica.”

Con queste parole Massimo e Paola raccontano qual è il loro obiettivo e come intendono portarlo a termine, ben consapevoli che quello che possono fare “è solo una goccia in un mare di bisogni”. La barca con cui partiranno è l’Amel Super Maramu, Patchouli II, un due alberi che dalla partenza avrà a bordo materiale scolastico ( quaderni, matite, biro, pennarelli, ecc.), un gran quantità di farmaci salvavita e di base, uno strumentario chirurgico ed un elettrocardiografo.

Visto il tipo di navigazione che Patchouli II si prepara a fare, l’attrezzatura di bordo comprende pannelli solari, un generatore eolico e un idro-generatore per navigare rispettando al massimo l’ambiente. La barca è a Loano per i lavori di riallestimento e non appena sarà pronta ad affrontare la navigazione oceanica, farà rotta verso gli oceani. Dopo la partenza, prevista nella primavera del 2019, Paola e Massimo attraverseranno l’oceano Atlantico, Pacifico e Indiano, rimanendo in navigazione per circa 5 anni, cercando di portare il loro aiuto dove c’è bisogno.

 

Buon vento!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*