Ultime:

Complimenti al “laghè”! Dario Noseda è il Velista dell’Anno Tag Heuer 2018

Dario Noseda ci ha emozionato e merita il titolo di Velista dell'Anno 2018! Con lui sul palco di Santa Margherita sono stati premiati anche Guido Gallinaro, Nicolò Renna, Giovanni Ceccarelli, Maria Vittoria Arseni e Francesco Lanera

Dario Noseda è il Velista dell’Anno Tag Heuer 2018. All’unanimità la giuria del Giornale della Vela non ha avuto dubbi perché Dario ha compiuto la traversata atlantica di 3.500 miglia dalle Canarie a Saint Lucia su una minuscola Star da lui modificata, una barca nata per navigare tra le boe. Pazza impresa portata a termine da un “laghé” alla sua prima esperienza in oceano, con tanto di naufragio finale e arrivo a piedi! Una storia epica, che ci ha commosso tutti.

Guido Gallinaro, un 17enne di Riva del Garda che vince tutto, ma proprio tutto, tra i Laser Radial: per lui l’oro all’Europeo Youth, il bronzo al Mondiale Giovanile ISAF e il Nations Trophy con la squadra italiana. Di lui dicono: “ha vinto più titoli internazionali che zonali”.

Francesco Lanera si aggiudica il Premio Tag Heuer Performance, dopo aver vinto il titolo italiano e poi, nelle acque di Mondello, la vittoria al Campionato del Mondo: il protagonista della stagione Platu 25 è ancora una volta l’armatore di Euz II Villa Schinosa: che è al suo quarto titolo iridato!

Il premio Tag Heuer Innovation è di Giovanni Ceccarelli. Dalla Coppa America al recupero della Costa Concordia, ha dato il suo contributo fondamentale di progettista. Ha firmato il progetto del nuovo The Fifty di Eleva Yachts, barca che ha riscosso grande successo per le prestazioni e il suo design di rottura. E il nuovissimo Grand Soleil 80. 

Nicolò Renna vince il Tag Heuer #DON’TCRACKUNDERPRESSURE. Tra Techno 293 (bronzo Europeo) ed RS:X (oro Europeo e oro Mondiale Youth Under 17), è stato un 2017 eccezionale per il 17enne gardesano, ultimo erede di una famiglia che ha il windsurf nel sangue. E sta continuando a vincere…

Un premio speciale ai ragazzi del Moro, il GRAN PREMIO VELAFESTIVAL. Nel 1992, mentre erano impegnati a San Diego nella prima finale di Coppa America della storia italiana, nei nostri bar si parlava di strambate e virate, invece che di calcio e formula uno. Finita l’avventura con il Moro di Venezia di Gardini, sono rimasti nell’ambiente influenzando la vela contemporanea in ogni sua branca. Signore e signori, i “ragazzi” del Moro di Venezia sono qui!

IL VIDEO DELLA PREMIAZIONE

 

 

INFO UTILI VELAFESTIVAL

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Nicolò Renna premiato al Vela Festival - 4ActionSport

Leave a comment

Your email address will not be published.


*