Ultime:

I borghi di mare più belli (e non scontati) d’Italia – Prima Puntata

In più puntate, andiamo alla scoperta dei borghi di mare che secondo noi sono da visitare assolutamente nel 2018. Abbiamo cercato di non essere scontati…

Quali sono i borghi di mare italiani più belli? Ci siamo fatti questa domanda in redazione e poco ci mancava che venissimo alle mani per stilare una sorta di classifica. Quella che leggerete in tre puntate puntate è il frutto (sofferto) del nostro lavoro di selezione. Unico criterio? La non scontatezza (non troverete Portofino, Anacapri, etc…).

Per il 2018, ecco la nostra lista dei più suggestivi paesi affacciati sulle nostre coste, partendo dalla Liguria per arrivare fino al Friuli-Venezia Giulia. Luoghi da ricordarsi quando pianificherete la vostra crociera estiva, visto che sono tutti raggiungibili via mare: o grazie a un marina locale, oppure con il tender lasciando la barca alla fonda. Non siete d’accordo con le nostre scelte? Con un bel commento indicateci quali sono, secondo voi, i borghi di mare imperdibili del 2018!

I BORGHI DI MARE PIU’ AFFASCINANTI DI ITALIA


1. CERVO (Imperia, Liguria di Ponente)

Cervo ha conservato intatte le sue originalissime caratteristiche di borgo medievale sul mare, protetto da torri e mura cinquecentesche e circondato da verdi colline. Il centro storico è praticabile solo a piedi ed è stato conservato con i suoi edifici, vecchi di secoli, e i suoi vicoletti ciottolati dove si trovano botteghe di artigiani ed artisti. Tanti illustri furono stregati dalla sua bellezza: Italo Calvino e Eugenio Montale, ad esempio… Da non perdere la facciata concava, simbolo del paese, della Chiesa di San Giovanni Battista (XVII-XVIII secolo), che si affaccia sulla piazza dei Corallini, il cuore pulsante del borgo.


2. VERNAZZA (La Spezia, Liguria di Levante)

Probabilmente la più affascinate delle “Cinque Terre”, Vernazza è percorsa da ripide e strettissime viuzze che scendono verso la strada principale che finisce in una piazzetta situata di fronte al porticciolo. E’ punteggiata da costruzioni difensive, case-torri, il Torrione e il castello dei Doria, simbolo dell’importanza economica avuta nell’antichità e protetta dai Genovesi contro i Saraceni e le invasioni barbariche. Vernazza fu fondata intorno all’anno Mille. Il suo nome deriva dalla “Gens Vulnetia”, antica famiglia romana alla quale appartenevano gli schiavi che, una volta liberati, fondarono il paese. Un tempo più prospera degli altri paese delle Cinque Terre, Vernazza ospita elementi architettonici di pregio, come logge, porticati, portali. Il borgo, nobile ed elegante, si sviluppa lungo il torrente Vernazzola, ora coperto, arroccandosi sulle pendici di uno sperone roccioso.


3. GIGLIO CASTELLO (Isola del Giglio, Grosseto, Toscana)

Arrivate all’isola del Giglio, ormeggiate a Giglio Porto (già di per sé pittoresco paesino) e… salite fino a Giglio Castello. Alto 450 m sul livello del mare è cinto da imponenti mura intervallate da tre torri a pianta circolare e sette a base rettangolare. Eretto dai Pisani nel XII sec., più volte ampliato e restaurato dai Granduchi di Toscana, è a tutt’oggi pressocchè intatto nel suo interno. Le vie strette, spesso sormontate da archi, i balzuoli (scale esterne per accedere ai piani superiori), la Piazza XVIII Novembre sulla quale domina la Rocca Aldobrandesca, imponente costruzione difensiva, fanno di Giglio Castello una meta suggestiva, dal fascino unico. Da non dimenticare una visita alle cantine dove viene prodotto e conservato il tipico, ambrato e robusto vino dell’Isola del Giglio, il vino Ansonaco.


4. SPERLONGA (Latina, Lazio)

Non è solo una meta “top” per le sue spiagge (le più conosciute sono Canzatora, Salette e Fontana): Sperlonga è città fatta di viuzze strette dove si respira un fascino antico. Il Museo archeologico locale, costruito proprio nei pressi della Grotta di Tiberio, ospita i gruppi statuari che decoravano la città. Sempre in zona si trova la Villa di Tiberio. Un elemento caratteristico di questa località sono le quattro torri. Costruite nel medioevo per difendersi dai Saraceni, la Torre Centrale e la Torre del Nibbio sono oggi incorporate tra le case del paese, dando quell’aspetto arroccato e tortuoso. Meritano una visita anche le piccole e pittoresche chiese di Sperlonga, situate per lo più nel cuore antico della città.


5. VENTOTENE (Latina, Lazio)

Situato sull’omonima isola di origine vulcanica, il borgo di Ventotene si è sviluppato intorno sulla roccia che domina l’antico porto romano scavato nel tufo, al quale è unito da una breve e suggestiva rampa realizzata in epoca borbonica. Vi sembrerà di stare in una cartolina. Da non perdere, una visita alle cisterne che furono costruite dai Romani perché Ventotene non ha sorgenti di acqua dolce. Si raggiungono a piedi da Piazza Castello e sono due vasche di raccolta dell’acqua piovana: la Cisterna di Villa Stefania e la Cisterna dei Detenuti. Sono ricoperte di graffiti di vita quotidiana.

… IL VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEI BORGHI DI MARE PIU’ AFFASCINANTI CONTINUA…

Leave a comment

Your email address will not be published.


*