Ultime:

ARC 2017: si parte, è l’Oceano per tutti e ci sono anche sette barche italiane

Parte la mitica ARC, la traversata atlantica in compagnia e in sicurezza: c'è chi la vivrà come una regata chi come un divertente trasferimento in sicurezza

Una suggestiva immagine scattata durante l’edizione 2016 da uno degli equipaggi

E’ l’Oceano per tutti, per chi vuole farlo in regata o per chi lo vive come un trasferimento tra vela e motore in compagnia e in sicurezza. Oltre 250 sono le imbarcazioni iscritte che stanno per partire tra poche ore, di cui 69 per la ARC+ da Capo Verde, la maggior parte invece per la ARC classica da Gran Canaria con rotta su Rodney Bay, Saint Lucia, Caraibi, tra cui ci sono anche 7 italiane. Si tratta di 2700 miglia, la classica traversata atlantica in regime prevalente di Alisei, in una stagione in cui, particolari basse pressioni a parte, la flotta incontrerà condizioni generalmente stabili e temperate che garantiranno una navigazione veloce e relativamente semplice.

L’Oceano però è sempre l’Oceano e sottovalutare una traversata di 2700 miglia sarebbe un grave errore, per questo motivo i concorrenti  e le barche della ARC vengono sottoposti a particolari controlli dall’organizzazione che li guida nei criteri e nei parametri di sicurezza per preparare barca ed equipaggio. Nelle settimane precedenti alla partenza infatti, a Gran Canaria, si sono svolti una serie di workshop e dimostrazioni pratiche con equipaggi e skipper, incluse simulazioni di possibili scenari di emergenza, al fine di fornire a tutti i partecipanti una formazione completa in termini di sicurezza.

Sette dicevamo sono le barche italiane partecipanti, per una traversata che da sempre piace molto alle imbarcazioni del nostro paese. L’ARC infatti è un bel modo per trasferire la barca verso i Caraibi in compagnia, per ormeggiarla dall’altra parte dell’Oceano e tornare magari a trovarla poco dopo per meravigliose crociere. Scorrendo la entry list, ecco chi sono le barche italiane

A Noi, Grand Soleil 50 di Roberto Candiotti

Dew, Baltic 51 di Luciano Binelli

Duale, Hallberg Rassy 42F di Alberto Rudi

Garbin 2, Sun Odyssey 36 di Andrea Bassi

Kalù III, Sun Odyssey 49 di Alfredo Bajo

Queen Be, Sun Odyssey 49 Andrea Guidorzi e Arnaldo Aleotti

Southern Star, Nauta 78 di Andrea Calabria

Buon vento e buon divertimento a loro, con l’invito a mandarci i loro resoconti, i racconti e le foto di questa bellissima esperienza oceanica.  

SEGUI LA REGATA QUI

 

Leave a comment

Your email address will not be published.


*