Ultime:

Mini Transat, partiti! Semaforo verde o rosso nel Golfo di Biscaglia?

Un inizio subito di bolina, primi colpi tattici nel Golfo di Biscaglia: occhi puntati sui sei italiani in regata contro il top della vela francese

Gli italiani in regata

Partiti. Sotto un cielo grigio tipicamente bretone, attraversato da scrosci di pioggia, la flotta ha tagliato la linea di partenza. Non è più tempo di guardarsi indietro, ma solo di affrontare l’Oceano con un primo, temutissimo, ostacolo che si chiama Golfo di Biscaglia. La Mini Transat 2017 ha preso il via da La Rochelle, 81 iscritti dvisi in classifica serie e prototipi. Sei italiani, per questa prima tappa di 1350 miglia con destinazione Las Palmas (Canarie).

Lo start da La Rochelle

Per l’Italia in regata Andrea Fornaro (proto), Andrea Pendibene (serie), Ambrogio Beccaria (serie), Matteo Rusticali (proto), Emanuele Grassi (serie), Luca Sabiu (serie). LEGGI QUI LE LORO STORIE E COME VIVRANNO A BORDO 

L’inizio non sarà dei più semplici: subito bolina con vento da ovest-sudovest in graduale aumento fino a circa 20 nodi, in pratica le condizioni meno gradite dai Mini 650. Si sbatte molto, la barca è bagnatissima e a bordo il comfort è solo un bel ricordo delle ultime ore passate a terra con gli amici e i propri cari. Il primo passaggio cruciale sarà quello di Cap Finisterre, che traccerà i primi bilanci e dirà chi ha attraversato meglio la Biscaglia. Chi prima esce dal temibile Golfo avrà una possibilità in più di salire in anticipo sull’ “Espresso” delle andature portanti in direzione sud, ad agganciare l’Aliseo lungo le coste portoghesi per fare esplodere le velocità del log.

TRACKING DELLA REGATA  QUI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NEWS DI REGATE E SPORT

Leave a comment

Your email address will not be published.


*