Ultime:

Winch bloccato mi hai rotto: adesso ti smonto e ti pulisco!

La manutenzione del winch può essere fastidiosa da eseguire ma è indispensabile e necessaria per salvaguardare l'attrezzatura ed avere sempre manovre efficienti

In caso di utilizzo intenso la pulizia dei winch andrebbe effettuata  almeno una volta l’anno, soprattutto se la nostra barca resta in mare  tutto l’anno, attaccata dalla salsedine costantemente. è importante  eseguire l’operazione con ordine, appuntandosi la sequenza delle  componenti che andiamo  smontando dal winch. Per smontare e manutenzionare un winch possono essere utili i seguenti  strumenti: guanti in lattice, chiavi di varia misura, un giravite di  dimensione adeguata alle viti su cui andremo a lavorare, un martello,  gasolio, un secchio per riporre le varie componenti che smontiamo, dei  pennelli ed uno spazzolino.

COME SMONTARE IL WINCH

La prima, ed obbligata, operazione è quella di smontare la vite centrale, solitamente a taglio, che blocca la campana.Una volta estratta questa, occorre poi sfilare i cuscinetti a rullo per  verificarne l’usura e l’eventuale gioco in fase di azione. A questo punto possiamo decidere di lavare il winch ancora attaccato in coperta o, molto meglio, svitare i controdadi sottocoperta, staccarlo, ed immergerlo insieme a tutti i suoi componenti nel secchio con una quantità di gasolio sufficiente ad immergerli completamente.

LA PULIZIA

Una volta tolti i vari blocchi e smontato completamente il verricello, con lo spazzolino ed il pennello possiamo fare la pulizia negli angoli più nascosti degli ingranaggi, eliminando lo sporco ed i residui del vecchio grasso. Ne possiamo approfittare per pulire la coperta sotto il winch e
verificare che i fori per i perni siano in ordine. Una volta che inizieremo a rimontare il winch è importante ricordarsi di guarnire la sua base a contatto con la coperta con del nuovo materiale isolante per scongiurare le infiltrazioni.

LE PARTI DEL WINCH

  • L’albero è il corpo centrale. Realizzato in bronzo o in acciaio è l’elemento attorno al quale ruotano i meccanismi del winch
  • Gli ingranaggi principali, sono dei pignoni che devono sopportare carichi altissimi. Sono realizzati in acciaio
  • Per smontare un verricello occorre rimuovere pochi blocchi posti nella parte alta.
  • Il self tailing permette di incastrare le scotte tra le guance circolari e di “sputare” il tratto recuperato. Si adatta al diametro della scotta
  • La campana, dove si avvolgono scotte e cime, dotata di una superficie antiscivolo
    tipo “carta vetrata”. è in acciaio inox o bronzo.
  • I cuscinetti a rulli sono l’elemento che permette di far ruotare la campana attorno all’albero, senza che si blocchi.  I cuscinetti sono in inox, racchiusi in una gabbia di materiale autolubrificante.
  • La base è fissata allo scafo con perni passanti e isolati con Sikaflex®. Se  dovesse essere necessario la smontaggio è importante ripristinare l’isolamento con del nuovo silicone
La rassegna che vi abbiamo proposto è tratta dallo Nuovissimo Dizionario della Nautica, una pubblicazione speciale del Giornale della Vela con tante informazioni utili ed un ricco repertorio fotografico per descrivere gli interventi pratici:
•    Su Nauticplace.com, e lo riceverete comodamente a casa (16,90 euro + spese postali)
•    In versione digitale per dispositivi Apple e iOS nell’App del Giornale della Vela
•    In versione digitale per dispositivi Android nell’App del Giornale della Vela 

SCOPRI TUTTE LE NEWS DEDICATE ALLA TECNICA, ALLA DIDATTICA ED AL MONDO DEGLI ACCESSORI

Leave a comment

Your email address will not be published.


*