Ultime:

Dieci donne alla conquista dell’Atlantico: quelle brave ragazze della Mini Transat

Le dieci "mini ragazze" che puntano ad essere sulla linea di partenza della Mini Transat 2017. Determinate, tenaci, talentuose, una entry list così sarebbe un record per questa regata

A 200 giorni dalla partenza da La Rochelle, proseguiamo il nostro percorso di avvicinamento alla Mini Transat, dopo l’intervista ad Andrea Fornaro. Scorrendo gli iscritti a colpirci è stato il numero di donne attualmente inserite nell’entry list provvisoria, ben dieci. Un numero che sarebbe un record per la regata la cui prima edizione si disputò nel 1977. L’ultima italiana a prendervi parte fu Susanne Beyer su Penelope nel 2011, in questa edizione non ci sarà una rappresentante del nostro tricolore in partenza, anche se si segnala la new entry di Francesca Komatar nella flotta italiana, pronta a disputare la sua stagione di esordio nella classe in Mediterraneo.

Non sappiamo ancora se tutte e dieci le ragazze saranno alla partenza di La Rochelle, dato che alcune qualifiche sono ancora in corso, la cosa certa è che c’è una bella generazione di donne, giovani e preparate, pronte a sfidare l’Oceano. Andiamo a conoscerle meglio.

Agnes Menut
Francese, 38 anni da Marsiglia, corre su Mini Doudou, un Pogo 2 del 2005. Il suo migliore risultato nella classe è il quinto alla Mini Golfe del 2013. Sposata con un figlio di 18 mesi, prima di scoprire l’amore per i Mini 650 era una farmacista, poi è arrivato il richiamo dei grandi spazi dell’Oceano e l’amore viscerale per la navigazione. https://minidoudou582.wordpress.com/

Anna Corbella
Attenzione a questo nome, è da segnare in agenda. La spagnola, 41 anni da Barcellona, se sarà alla partenza di la Rochelle non farà questa Mini Transat solo per guardare ma punta a fare molto bene grazie anche al suo nuovo Pogo 3. E’ una delle animatrici della classe a livello internazionale, grazie al lavoro che sta svolgendo alla Base Mini di Barcellona, dove si è allenato anche il nostro Andrea Pendibene. Ha già fatto la Transat del 2009, ma vanto anche una partecipazione alla Barcelona World Race e ha come prossimo obiettivo dichiarato il Vendée Globe 2020. http://www.annacorbella.org/

Charlotte Mery
Venticinquenne parigina, il suo miglior risultato nella classe è il secondo posto alla Duo Concarneau del 2016. Corre su un proto del 2011. Dopo un periodo di attività nelle classi olimpiche, 470 in particolare con il quale ha conseguito un decimo posto al Mondiale ISAF del 2013, è arrivata la passione per la grande vela offshore. Si è presa un anno di pausa dall’attività agonistica per conseguire un master in comunicazione. Il sogno della Mini Transat nasce in lei già nel 2008, un desiderio che sembra finalmente potersi concretizzare. https://minicharlotte.com/charlotte/

Clarisse Cremer
Bretone di 27 anni, senza dubbio è la più comunicativa tra le 10 skipper, avendo lanciato con successo la sua campagna social per promuovere il progetto Transat 650. Sarà a bordo di un nuovo Pogo 3, una delle barche che sulla carta sono favorite per la vittoria finale. Non è una veterana della classe, che frequenta da poco tempo, potrebbe essere però un outsider da tenere d’occhio. Il suo miglior risultato fino a questo momento è la duo Concarneau, un sesto posto, nell’affollata categoria Serie troverà una concorrenza molto agguerrita. http://clarissecremer.com/

Elodie Pedron
Trentunenne da Orvault, nata a Grenoble, e con un titolo da ingegnere conseguito alla prestigiosa INSA di Toulose, ha una buona esperienza nella classe. Il suo miglior risultato è il terzo posto alla Mini Fastnet del 2015. Il Pogo 2 sul quale navigherà di fatto le impedisce di potere ambire alle posizioni che contano, ma la sua esperienza potrebbe comunque collocarla nella prima metà di classifica. Potrebbe ambire a fare bene nella sfida dentro la sfida tra i numerosi Pogo 2 che saranno in regata, tra i quali figura anche Ambeco del nostro Ambrogio Beccaria. https://www.facebook.com/elodie.pedron.750?fref=ts

Estelle Greck
Francese, 27 anni da Ploemeur, frequenta la Classe Mini dal 2012 e sarà a bordo del suo Pogo 2 del 2004. Sulle sue possibilità in classifica vale quanto detto per Elodie Pedron: il Pogo 2 difficilmente la porterà nelle zone nobili, ma la sua esperienza la candida sicuramente a disputare un’ottima regata e a dare del filo da torcere agli altri colleghi del Pogo 2. Il suo miglior risultato è il settimo posto alla Mini Fastnet del 2014. http://greckestelle-revonslongcours.com/

Lina Rixgens
Tedesca, 23 anni da Colonia, sta studiando medicina in Belgio e alterna gli studi con gli allenamenti al centro Mini di La Rochelle. Velisticamente si è formata sulle derive, dopo gli inizi in Optimist ha regatato a lungo, anche a livello internazionale, nella Classe Europa. Naviga su un Pogo 2 del 2008 e vanta un bel settimo posto alla Mini Barcelona 2016, tra i Pogo 2 potrebbe essere una delle più quotate. https://www.linarixgens.de/

Marine Andre
Con i suoi 21 anni è una delle più giovani della Mini Transat 2017. Arriva da Brest e navigherà a bordo di un Pogo 2 del 2004. Ha poca esperienza nella classe, il suo miglior risultato fino ad ora è un diciassettesimo alla Pornichet Select. Vuole fare la Mini Transat per vivere un’avventura unica, con l’obiettivo di portare la barca al traguardo. https://www.facebook.com/marineandre512/?fref=ts

Marta Guemes
Trentun’anni, spagnola, originaria delle Canarie ma residente a Grenoble, è un ingegnere diplomata all’INSA. Ha iniziato ad andare a vela prima dei dieci anni, ma la passione per la regata offshore arriva solo a 24 anni dopo avere frequentato per un anno i Glenans. Da due anni ormai naviga a bordo del suo Pogo 2 del 2005, un’altra skipper che andrà ad incrementare la battaglia della sfida nella sfida. Ha chiuso undicesima la Mini Barcellona 2016. http://www.sailing-marta.com/es/

Nolwenn Caze
Francese, 25 anni da Larmor Plage, è un ufficiale della Marina. A bordo del suo Pogo 2 del 2006 ha già percorso oltre 5 mila miglia mettendo in cassaforte la qualifica per la Mini Transat 2017. Ha iniziato ad andare a vela sull’Optimist, poi crescendo ha iniziato a regatare in Mediterraneo. Potrebbe essere una delle outsider da tenere d’occhio. http://nolwenncaze.com/

Mauro Giuffrè

Leave a comment

Your email address will not be published.


*